Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Ottobre 2017

MONDIALI 2014: "USANO STRATEGIA DELLA PAURA"

Scritto da  Redazione Giu 05, 2014

A una settimana dall'inizio dei Mondiali di calcio, Amnesty International ha lanciato l'allarme: coloro che scenderanno in strada per manifestare rischiano di andare incontro a una violenza indiscriminata da parte della polizia e dell'esercito, che stanno aumentando gli sforzi per controllare le proteste.

"Il comportamento inadeguato da parte di chi svolge funzioni di ordine pubblico, l'affidamento di tali compiti ai militari, l'assenza di addestramento e il clima d'impunita' hanno prodotto una miscela pericolosa in cui gli unici a rimetterci sono i manifestanti pacifici" – ha dichiarato Atila Roque, direttore di Amnesty International Brasile. La Coppa del mondo 2014 sarà un banco di prova decisivo per le autorità brasiliane. Sta a loro usare quest'opportunità per fare passi avanti e garantire che le forze di sicurezza incaricate di controllare le manifestazioni durante il torneo non commettano ulteriori violazioni dei diritti umani" – ha aggiunto Roque.

In un rapporto intitolato "'Loro usano la strategia della paura'. Proteggere il diritto di manifestazione in Brasile", Amnesty International analizza un anno di violazioni dei diritti umani da parte delle forze di sicurezza. Si va dall'uso indiscriminato dei gas lacrimogeni e delle pallottole di gomma contro manifestanti pacifici, agli arresti arbitrari e all'uso improprio della legge per fermare e punire le persone scese in strada. Si prevede che queste tattiche proseguiranno durante i Mondiali. Dal giugno 2013, migliaia di brasiliani hanno dato vita a proteste di massa senza precedenti contro l'aumento dei prezzi dei trasporti, i costi elevati sostenuti per l'organizzazione dei Mondiali e gli insufficienti investimenti nei servizi pubblici. Centinaia di persone che non avevano alcun comportamento minaccioso sono rimaste ferite in tutto il paese a causa delle manganellate ricevute o dopo essere state colpite dalle pallottole di gomma in dotazione alla polizia militare.

Il 13 giugno 2013 a São Paulo, il fotografo professionista Se'rgio Silva, 32 anni, ha perso l'occhio sinistro dopo essere stato centrato da una pallottola di gomma mentre prendeva parte a una protesta contro l'aumento dei prezzi degli autobus. Sposato con due figli, Silva ha ora enormi difficolta' a trovare un lavoro. Non ha mai ricevuto scuse, spiegazioni o un risarcimento da parte delle autorita'.

La polizia militare ha inoltre usato i gas lacrimogeni contro manifestanti pacifici, in un caso persino lanciando un candelotto all'interno di un ospedale di Rio de Janeiro. Centinaia di persone sono state arrestate in modo indiscriminato, in alcuni casi ai sensi delle leggi contro la criminalita'organizzata, senza alcuna prova che fossero coinvolte in attività criminose. Humberto Caporalli, 24 anni, e' stato arrestato a São Paulo il 7 ottobre 2013 al termine di una manifestazione per il diritto all'istruzione. Alla stazione di polizia, e' stato obbligato a fornire la password del suo profilo Facebook affinche' gli agenti potessero controllare cosa aveva postato. Due giorni dopo, un giudice ha disposto il suo rilascio.

Il parlamento brasiliano sta esaminando una serie di proposte di legge che rischiano di limitare ulteriormente il diritto di manifestazione pacifica. Una bozza di legge prevede una piu'ampia definizione di terrorismo, fino a comprendere il danneggiamento di beni e servizi essenziali. Se approvata, potrebbe essere usata impropriamente contro manifestanti pacifici.

Gli attivisti di Amnesty International Brasile presenteranno al governo federale di Brasilia decine di migliaia di "cartellini gialli", spediti da ogni parte del mondo per ammonire le autorita' a rispettare il diritto di protesta pacifica. A Roma, gli attivisti di Amnesty International Italia consegneranno oltre 6000 firme a Leandro Zenni Estevão, consigliere e delegato sostituto dell'ambasciatore del Brasile.

"Dal mondo arriva un messaggio chiaro alle autorita' brasiliane: protestare non e' un crimine, e' un diritto umano. Invece di usare la violenza per stroncare le manifestazioni, il governo e le forze di sicurezza hanno il dovere di garantire che le persone possano esprimere le loro opinioni liberamente e senza timore di essere ferite o arrestate" – ha sottolineato Roque.Mentre gli occhi del mondo sono puntati sul Brasile, le autorita' devono impegnarsi pubblicamente a non usare forza eccessiva nei confronti dei manifestanti e a indagare su ogni abuso. Se non lo faranno, le forze di sicurezza avranno carta bianca per commettere ulteriori violazioni dei diritti umani" – ha concluso.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31