Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

LA SENTENZA CUCCHI E LE PAROLE DI ERRI DE LUCA

Scritto da  Giuseppe Manzo Giu 06, 2013

La decisione dei giudici ha sollevato indignazione e proteste. Ecco come lo scrittore ha commentato questa sentenza

La sentenza del processo per la morte di Stefano Cucchi ha suscitato proteste e indignazione. L'opinione pubblica resta sconcertata sull'impossibilità di poter giudicare gli uomini dello Stato che lavorano per la difesa dei cittadini. Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia, così ha commentato: "Sin d'ora, esprimiamo vicinanza ai suoi familiari e appoggiamo la loro esigenza di verità e giustizia, difficili da raggiungere - in questo come in altri casi - ogniqualvolta una persona perde la vita nelle mani delle forze di polizia. Auspichiamo che eventuali ulteriori responsabilità che dovessero emergere per la morte di Stefano Cucchi possano essere accertate in successivi gradi di giudizio".

Eppure crediamo che le parole più adatte, attraverso un uso dell'ironia e di una "revisione" storica", le abbia usate lo scrittore Erri De Luca. A lui lasciamo questo spazio:  

“Il potere dichiara che il giovane arrestato di nome Gesù figlio di Giuseppe è morto perché aveva le mani bucate e i piedi pure, considerato che faceva il falegname e maneggiando chiodi si procurava spesso degli incidenti sul lavoro. Perché parlava in pubblico e per vizio si dissetava con l´aceto, perché perdeva al gioco e i suoi vestiti finivano divisi tra i vincenti a fine di partita.

I colpi riportati sopra il corpo non dipendono da flagellazioni, ma da caduta riportata mentre saliva il monte Golgota appesantito da attrezzatura non idonea e la ferita al petto non proviene da lancia in dotazione alla gendarmeria, ma da tentativo di suicidio, che infine il detenuto è deceduto perché ostinatamente aveva smesso di respirare malgrado l’ambiente ben ventilato. Più morte naturale di così toccherà solo a tal Stefano Cucchi quasi coetaneo del su menzionato”.

Giuseppe Manzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@nelpaeseit

L'ultima modifica Lunedì, 17 Luglio 2017 13:55
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30