Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

MAFIA CAPITALE, IL DIBATTITO: "CONTROLLI PREFETTURA, COMPORTAMENTO OPACO"

Scritto da  Giuseppe Manzo Dic 10, 2014

Continua il dibattito lanciato da nelpaese.it sui fatti di Roma. Anche Libera e Don Ciotti intervengono, rivolgendosi anche alla Prefettura di Roma: "un comportamento opaco da parte di chi aveva il compito di controllare" 

Dopo l'indagine "Mondo di mezzo" e il coinvolgimento di alcune cooperative che operano con i migranti e i rifugiati, chiediamo chiarimenti anche alla Prefettura di Roma. Riteniamo che ci sia stato, in questi anni, quantomeno un comportamento opaco da parte di chi aveva il compito di controllare e monitorare queste realtà". Così Gabriella Stramaccioni, dell'Ufficio di Presidenza di Libera, durante l'assemblea di chiusura della tre giorni di formazione del coordinamento di Libera nel Lazio. A Latina, oltre 50 fra volontari, attivisti e giovani studenti si sono dati appuntamento per una tre giorni di incontri, dibattiti e formazione. Con uno sguardo alla cronaca degli ultimi giorni che ha attraversato la Capitale e anche il basso Lazio. Nel suo intervento conclusivo Grabriella Stramaccioni è tornata sull'inchiesta "Mondo di mezzo" che ha portato all'arresto di 37 persone e oltre 100 indagati per mafia a Roma. E ha chiesto di saperne di più "sui mancati controlli che hanno permesso di far crescere il sistema di potere descritto nelle carte dell'inchiesta"

Don Ciotti

"Mi stupisco di chi si stupisce di quello che è accaduto a Roma, perché la presenza della corruzione nella capitale era arcinota. Poi che le organizzazioni criminali abbiano una capacità di mutamento impressionante e siano in grado di manifestarsi sempre in forma diversa anche questo è vero, ma la corruzione e la mafia sono due facce della stessa medaglia". A parlare così è il presidente e fondatore di Libera e del Gruppo Abele, don Luigi Ciotti, a Bruxelles in occasione della Giornata Internazionale contro la Corruzione per presentare i sei punti della campagna anticorruzione che la sua rete di associazioni sta portando avanti in Italia e in tutta Europa. "Ho stima e riconoscenza per la magistratura e per le forze investigative. I magistrati hanno fatto qualcosa di fondamentale aggiungendo al problema della corruzione l'aggravante mafiosa e ricorrendo al 416 bis (l'articolo del codice penale che designa i reati di stampo mafioso n.d.r.)", ha proseguito Ciotti.

"Per concretizzare il reato non è necessario il controllo del territorio attraverso la violenza bruta, sparando e minacciando. Questa non è una mafia con la lupara", ha detto il presidente di Libera che, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se auspicasse un commissariamento del Comune di Roma ha spiegato: "No, bisogna individuare e punire quei politici e quegli amministratori che hanno sbagliato. Non abbiamo ancora scoperto tutto quello che c'è da scoprire".

"Non si può essere consapevoli senza essere responsabili - ha spiegato - perché le due cose vanno di pari passo. Una società in cui imperversa la mafia è una società che ruba a se stessa. C'è bisogno che l'Europa imprima quella marcia in più e l'Italia deve riflettere fortemente su tutto questo. Non è stata la stessa Banca d'Italia a parlare di corrotti che siedono regolarmente nei consigli di amministrazione di enti pubblici? Speravamo di avere superato tutto questo ma evidentemente non era così. La storia ci dice che può esistere una politica senza mafie ma che non possono esistere mafie senza il concorso della politica".

Redazione (Fonte: Redattore Sociale)

Inviate i vostri contributi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30