Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

STOP TTIP: WEEKEND DI MOBILITAZIONE CONTRO IL TRATTATO UE-USA

Scritto da  Giuseppe Manzo Giu 05, 2015

Un fine settimana di mobilitazione nazionale e internazionale. Presidi e iniziative di controinformazione saranno organizzate dalla campagna Stop TTIP Italia in decine di città italiane tra cui Milano, Torino, Roma, Firenze e Genova per far sentire la voce dell'opposizione al TTIP, il trattato commerciale di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti, attualmente in fase di negoziato.

Una coalizione di più di 250 organizzazioni della società civile ha dato il via a una campagna di mobilitazione dal 5 al 7 giugno in vista del voto al Parlamento europeo sulla Risoluzione TTIP previsto per il 10 giugno, e in occasione anche del G8 che si terrà in Germania nei prossimi giorni.

Le tre giornate di mobilitazione sono concepite con l'obiettivo di rilanciare la petizione europea tesa a raccogliere due milioni di firme contro l'accordo. Ad esse farà seguito il consueto #TTIPTuesday, che vede l'invio, ogni martedì, di un'ondata di tweets agli europarlamentari per avvertirli sugli effetti negativi del trattato.

"La società civile di entrambe le sponde dell'Atlantico è mobilitata a tutela dei diritti di tutti", ha detto Monica Di Sisto, tra i portavoce della campagna Stop TTIP Italia, "per far presenti le critiche e le argomentazioni che, nonostante il tentativo di delegittimazione da parte del governo italiano e della Commissione europea, stanno trovando comunque spazio nella discussione al Parlamento europeo. La tutela dell'agricoltura di qualità italiana e delle economie locali non è un mito, ma è parte integrante di un'uscita sostenibile dalla crisi".

Il rischio di un pesante abbattimento degli standard sociali e ambientali, di qualità del cibo e del lavoro dovuto alla conformazione delle legislazioni europee e statunitensi in materia commerciale è il motivo di maggiore preoccupazione per i cittadini e le associazioni che si oppongono al TTIP. A ciò si aggiunge la privatizzazione dei servizi, l'arbitrato internazionale e la nascita di organismi tecnici di regolamentazione senza alcuna legittimazione democratica.

"Le recenti rivelazioni di Wikileaks", sottolinea Marco Bersani, tra i promotori della Campagna Stop TTIP Italia, "mettono in evidenza il tentativo di negoziare questi trattati lontano da occhi indiscreti. La presunta trasparenza del TTIP, ad esempio, ancora largamente insufficiente, è stata ottenuta solo grazie alle forti pressioni della società civile e di alcuni europarlamentari, tenuti lontano dalle stanze che contano: Il TTIP è anche una questione di democrazia".

 

Giovanna Carnevale

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30