Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 18 Luglio 2018

AVELLINO, SPARI CONTRO OPIFICIO NATO IN UNA VILLA CONFISCATA

Scritto da  Giuseppe Manzo Ott 21, 2015

Proiettili contro l'opificio nato in una villa confiscata ai clan. Accade ad Avellino ed è un nuovo segnale della guerra a chi trasforma beni mafiosi in imprese pulite o in progetti utili alla comunità.

"È inaccettabile. A meno di ventiquattro ore dall'inaugurazione di un progetto importante come il Maglificio 100 Quindici Passi, ecco che la malavita imbraccia le armi e spara. Spara per sopraffare e tenere a bada chi agisce nella legalità, chi investe sul lavoro, chi crede nell'integrazione delle persone e nella crescita dei territori. Condanniamo il gesto senza se e senza me. Un gesto che ci deve indignare, preoccupare e far scegliere da che parte stare. Ai nostri cooperatori dico: non arrendiamoci, e non pensiamo mai di essere dalla parte sbagliata. Le istituzioni e le comunità hanno il dovere di intervenire, di proteggere chi investe per il bene comune e per lo sviluppo dell'economia locale e regionale. Siamo vicini alla nostra cooperativa e a quanti si stanno impegnano per la legalità e l'occupazione".

Cosi Maria Patrizia Stasi, presidente di Confcooperative Campania, alla notizia che il Maglificio 100 Quindici Passi è stato bersaglio di colpi di arma da fuoco a poche ore dall'inaugurazione, prevista per il 21 Ottobre, alla presenza di Don Luigi Ciotti.

Il Maglificio 100 Quindici Passi è un progetto economico e di inserimento lavorativo che la cooperativa sociale Oasiproject, aderente a Confcooperative Avellino e nella rete di Federsolidarietà Confcooperative Campania, sta portando avanti a Quindici, in provincia di Avellino. Il progetto sostenuto da Fondazione Con Il Sud prevede la riconversione in un opificio di Villa Alta Chiara, bene confiscato al clan dei Graziano. Il tutto grazie alla ristrutturazione e all'adeguamento dei locali e degli impianti. All'interno dei locali sarà anche realizzata una scuola di arti e mestieri, dove lavoreranno, dopo un periodo di formazione, 7 persone.

 

Nuova cooperazione organizzata: non mollare

"Quello della scorsa notte, non è un evento unico e isolato, ma l'ennesimo attacco a tutti coloro che da anni sono impegnati nel dare a questa terra una prospettiva di sviluppo grazie al riutilizzo sociale dei beni confiscati, creando lavoro e speranza per i giovani". Questo il commento di Nco sulla pagina facebook. "Oggi più che mai dobbiamo sentire tutti la responsabilità di‪ accompagnare‬ e ‪tutelare‬ queste straordinarie esperienze che stanno nascendo in lungo e in largo per la Campania. Il consorzio Nco è vicino a tutti quei ragazzi del territorio che nonostante tutto, hanno ancora il coraggio di sognare un paese migliore. Oggi siamo presenti all'inaugurazione (a partire dalle ore 16.30 in Via E. De Filippo a Quindici) per esprimere la nostra vicinanza alla cooperativa Oasi Project e per dirgli di non mollare. Invitiamo tutti i cittadini attivi di queste terre a fare la propria parte e a partecipare".

Redazione

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31