Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 15 Dicembre 2017

TRIVELLE, REFERENDUM IL 17 APRILE. LEGAMBIENTE: "CE LA METTEREMO TUTTA PER CONVINCERE GLI ITALIANI"

Scritto da  Giuseppe Manzo Feb 18, 2016

"Ce la metteremo tutta per informare i cittadini sul quesito e sull'importanza della partita in gioco, anche se siamo consapevoli della difficoltà di affrontare questa partita in soli due mesi. E' l'occasione per fare informazione sulla mancanza di una politica strategica sull'energia nel nostro Paese e parlare del futuro energetico". Così Rossella Muroni, presidente di Legambiente, dopo la firma del presidente della Repubblica Mattarella del decreto che fissa per il 17 aprile il referendum popolare contro le trivellazioni in mare.

L'appello, prima al Governo poi al Capo delle Stato, perché si decidesse per un election day, che accorpasse in un'unica data il referendum popolare sulle trivelle e le elezioni amministrative, è rimasto inascoltato. Per Legambiente parte, dunque, la sfida referendaria.

"Insieme a tutte le organizzazioni favorevoli a questo referendum e a tutti i nostri circoli e le nostre strutture sul territorio - prosegue Muroni - organizzeremo la mobilitazione. Con un tempo così ridotto a disposizione e con un quesito ridotto all'osso, sarà un grande sforzo, ma daremo il massimo per cercare di convincere gli italiani a votare. Saranno due mesi di intenso lavoro per parlare del futuro dell'energia, che non passa dalle trivelle e dalle fonti fossili ma dalle rinnovabili e dall'innovazione, nell'interesse delle famiglie e del clima".

"Per la Basilicata il referendum può rappresentare inoltre un punto di svolta per l'intera questione petrolifera – afferma Alessandro Ferri, presidente di Legambiente Basilicata - chiamando la popolazione ad esprimere la propria volontà, già da tempo manifesta, di uscire al più presto dall'avventura fossile e riaffermare con forza la vera vocazione del territorio che parla di agricoltura, di turismo, di cultura e di rinnovabili".

I cittadini sono chiamati a pronunciarsi sull'abrogazione della legge sulle trivellazioni limitatamente alle parole "per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale". Ad oggi, la Corte Costituzionale ha infatti dichiarato ammissibile solo il quesito relativo al fatto che i titoli già rilasciati per le trivellazioni vadano fatti salvi fino all'esaurimento del giacimento.

Legambiente ricorda, inoltre, che è tuttora aperta la questione di altri due quesiti pendenti per conflitto di attribuzione dinanzi alla Corte Costituzionale. Se questa li ammettesse, gli italiani sarebbero chiamati di nuovo alle urne sullo stesso argomento, "per la testardaggine del governo nel difendere le trivelle e la sua confusione nella gestione del futuro dell'energia" conclude Rossella Muroni.

Redazione

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31