Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 12 Dicembre 2017

IL SONDAGGIO / TASSE, DISUGUAGLIANZA E ILLEGALITÀ: ECCO PERCHÈ L'ITALIA È STANCA

Scritto da  Redazione Set 02, 2016

La pausa estiva è appena finita, ma gli italiani guardano al’autunno con stanchezza e senso di fatica: non è la mancanza di riposo, ma la riproposizione di una realtà, sia politica che socio-economica, che invece che migliorare va peggiorando di anno in anno. Insoddisfazione, rabbia e voglia di cambiamento: questo è quello che caratterizza l’Italia post-vacanziera, alle prese con i problemi di sempre e con la palese incapacità politica di proporre soluzioni a lungo termine.

Secondo l’ultimo sondaggio di Swg, l’universo italico vuole vedere arginati i poteri forti e agogna una politica vicina ai cittadini, federalista, che smorzi i toni urlati e abbandoni l’improvvisazione dilettantesca. Solidità, sviluppo, serietà e sobrietà sono le quattro “s” di cui si vuole comporre il futuro. Un futuro che viva più di senso della collettività che di individualismo, più di uguaglianza e sostegno ai deboli che di libero mercato.

“La crisi ha ridotto certezze e sicurezze”, si legge nel rapporto Swg; “ha portato alla luce il valore del ‘non lasciare indietro nessuno’, ha reso evidente quanto una realtà dai forti conflitti e dalle marcate differenze sociale possa essere un freno e un danno per tutti”. Per questo “l’urgenza di tagliare le tasse si coniuga con la necessità di regole per le imprese il mercato, con il bisogno di mettere un argine alla finanziarizzazione dell’economia, per ridare fiato alla produzione di beni e servizi”.

Il sondaggio Swg, realizzato su un campione rappresentativo di duemila soggetti maggiorenni, prova a individuare quali sono le principali cause di malumore degli italiani. Ai primi posti, con circa il 30% delle risposte, si trovano rispettivamente le troppe tasse e, più in generale, la difficile situazione economica delle famiglie, segno evidente che il periodo più difficile della crisi è stato lasciato alle spalle, ma gli effetti negativi continuano a farsi sentire. Segue, poi, tra i motivi di insoddisfazione, la scarsa legalità (per il 25% degli intervistati) e le grandi differenze sociali tra chi ha troppo e chi ha troppo poco (per il 18%). Dalle risposte emerge anche la mancanza di prospettiva per il Paese, l’inefficienza della politica, la presenza di immigrati e la mancanza di sicurezza.

Interessante, dal punto di vista del quadro politico, l’associazione tra l’analisi che i cittadini fanno dei problemi italiani e la loro appartenenza partitica. Il sondaggio Swg prende come riferimento tre partiti: il Pd, Forza Italia e Movimento 5 Stelle (le percentuali sono la somma di due risposte consentite). Per il 39% dei democratici, la prima causa di malumore nel nostro Paese è la scarsa legalità; subito dopo vengono le troppe tasse (per il 35%) e la difficile situazione economica delle famiglie (per il 34%). Raggiungono una buona percentuale anche le differenze sociali, l’inefficienza della politica e la mancanza di sicurezza.

Situazione molto diversa si trova tra gli elettori di Forza Italia: qui le troppe tasse si posizionano al primo posto per ben il 54% degli intervistati, mentre le differenze sociali si collocano agli ultimi posti, vicino alla scarsa legalità. Mancanza di sicurezza, inefficienza della politica e presenza degli immigrati, invece, ottengono percentuali attorno al 20%.

Più confusa l’analisi degli elettori del Movimento 5 Stelle: per il 34% il primo motivo di malumore è la difficile situazione economica delle famiglie, seguita con il 29% dalle troppe tasse e con il 26% dalla scarsa legalità. Per il 19%, il problema è invece la presenza di immigrati.

In generale, nonostante le naturali differenze a livello partitico, gli italiani sono alla ricerca di un cambiamento incardinato su almeno tre fronti: un’azione di coordinamento e gestione dei flussi migratori, una crescita economica fondata anche sul principio di equità e una classe dirigente che si contraddistingua per onestà ed esperienza.

L’Italia che guarda alla ripresa autunnale è una società che cerca concretezza, coerenza, semplicità di azione, fertilità di idee e gente capace al comando.

 

 

Giovanna Carnevale

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31