Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 11 Dicembre 2017

GUERRA E TERRORISMO, APPELLO DI TAVOLA DELLA PACE: "NO A NUOVE TRUPPE IN AFGHANISTAN"

Scritto da  Redazione Mag 23, 2017

"Lavoriamo in queste ore perche' dal G7 di Taormina arrivi un messaggio il piu' possibile forte. Abbiamo l'occasione per ribadire insieme, a Taromina, che la vigliaccheria di chi spezza le vite di giovani ragazzi e ragazze non avra' la meglio sulla nostra liberta'". Lo ha detto il presidente del consiglio Paolo Gentiloni a Palazzo Chigi in relazione all'attentato di Manchester.

Proprio a Gentiloni e al suo governo arriva un appello della Tavola della Pace su uno degli scenari di guerra, la prima iniziata nel nome della lotta al terrorismo internazionale: l’Afghanistan.

Il 25 maggio a Bruxelles un meeting della Nato dovrebbe definire la nuova politica dell’Alleanza atlantica in Afghanistan dove da oltre sedici anni si combatte una guerra che ogni anno uccide migliaia di civili.

Stando a indiscrezioni di stampa, gli Stati Uniti dovrebbero annunciare l’aumento del loro contingente militare che da 8500 soldati dovrebbe passare a oltre 11mila. Anche la Gran Bretagna avrebbe dato l’assenso a un aumento delle truppe e così altri Paesi Nato come la Danimarca. L’Italia è presente in Afghanistan con oltre mille soldati impiegati nella missione Resolute Support dove forma il secondo contingente più numeroso dopo quello degli Stati Uniti.

“Crediamo che non serva un aumento di truppe in Afghanistan – scrive in una nota la Tavola della pace - ma semmai una politica più attiva nella cooperazione civile, la cui spesa è attualmente ben al di sotto della spesa militare, e un impegno serio per un negoziato di pace. Ci auguriamo dunque non solo che l’Italia non aderisca alla richiesta dell’Amministrazione Trump, ma che si opponga al cambio di strategia che potrebbe essere proposto e che si tradurrebbe in una maggior autonomia militare dal governo afgano con un maggior numero di raid aerei di cui gli Stati Uniti hanno dato prova con il lancio della bomba Gbu-43 Moab del peso di 11 tonnellate, dagli effetti devastanti e di cui non si è finora potuto compiere alcuna verifica indipendente”.

Un'operazione duramente condannata anche da Papa Francesco lo scorso 6 maggio («...la mamma dà vita, le bombe danno morte...») davanti a migliaia di studenti accolti in Vaticano in conclusione del Meeting delle Scuole per la pace.

“Ci auguriamo infine – conclude la nota - che ogni decisione in merito alla presenza militare italiana in Afghanistan e altrove passi sempre attraverso un dibattito parlamentare che dovrebbe tra l’altro rivedere la strategia attualmente in essere nel paese asiatico dal costo quotidiano di centinaia di migliaia di euro in sola spesa militare”.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31