Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Ottobre 2017

IUS SOLI, GENTILONI PROMETTE "IMPEGNO" MA CONTINUA LO SCONTRO POLITICO

Scritto da  Redazione Set 14, 2017

us Soli, le associazioni continuano a chiedere la legge ma è scontro politico. “Il governo e la maggioranza non possono venir meno a un impegno che hanno preso, più volte, pubblicamente: la riforma della cittadinanza va portata in aula al più presto, e comunque prima della fine della legislatura”, dichiara don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA). ”Se accordi tutti politici sono possibili per vincere le elezioni amministrative – aggiunge - non si capisce perché gli stessi accordi non possano essere condivisi quando è in gioco uno dei provvedimenti più importanti in discussione in questa legislatura: dare diritto di cittadinanza a chi, di fatto, è già cittadino italiano.”

Poi don Zappolini conclude: “Siamo d’accordo con il ministro Delrio sul fatto che non bisogna lasciarsi prendere dalla paura e che ci voglia più coraggio nel contrastare chi fomenta xenofobia e razzismo. Il tempo per provarci c’è. Dal destino di questo provvedimento riconosceremo quelli che ‘son la mia Patria, gli altri i miei stranieri’, come diceva don Milani. Sullo Ius soli si gioca una partita di civiltà che distingue concezioni del mondo e della convivenza molto diverse. Ognuno deve assumersi, di fronte a questo, la propria responsabilità. Come si può avere paura dei bambini?”

La politica divisa

Dopo la presa di posizione di ieri di Mdp e le parole del ministro Delrio sulla necessità di portare avanti il provvedimento e l'appello di Matteo Orfini che ha ribadito l'ipotesi della fiducia sul testo, oggi è Ap ad alzare gli scudi.

"Orfini - dice il presidente dei deputati di Ap Maurizio Lupi - chiede ai ministri del Pd di lavorare perché si giunga alla richiesta di fiducia sullo ius soli. Questo balletto per cui su ogni problema si fa un passo avanti e due indietro sempre e solo per polemiche tutte interne al Pd è diventato stucchevole. Orfini si metta il cuore in pace, la richiesta di fiducia spetta al presidente del Consiglio, e il Consiglio dei ministri è un organo collegiale nel quale i ministri di Ap non daranno mai l'assenso alla fiducia".

Dalle Grecia, dopo un incontro bilaterale con il presiente Alexis Tsipras, Gentiloni ribadisce che sul provvedimento "resta l'impegno del governo".
Intanto arriva un nuovo appello della presidente della Camera Laura Boldrini sullo Ius soli: "Il provvedimento sullo ius soli - sottolinea la presidente della Camera - è nell'altro ramo del Parlamento ed aspettiamo di capire gli sviluppi. Ma penso sia molto atteso da molti giovani che sono nati in Italia che sono a tutti gli effetti italiani" e "credo sia conveniente per tutti farne dei buoni cittadini".

Lo ius soli, ha detto Boldrini, "penso sia un provvedimento molto atteso da molti giovani che sono nati in Italia. Sono giovani che vanno a scuola con i nostri figli e dei paesi dei loro genitori non conoscono neanche la lingua, giovani che sono a tutti gli effetti italiani. Credo sia conveniente per tutti farne dei buoni cittadini".

Resta alta anche la tensione nel Pd dopo che il provvedimento non è stato inserito nel calendario d'Aula al Senato. Mentre Mdp, con Pier Luigi Bersani, ribadisce la propria posizione: senza il voto sulla cittadinanza valuterà caso per caso anche su altri provvedimenti a partire dalla legge di bilancio.

Redazione (Fonte: Ansa)

@nelpaeseit

L'ultima modifica Lunedì, 18 Settembre 2017 13:10
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31