Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 11 Dicembre 2017

ACCOGLIENZA: "DALLA CALABRIA UN FORMAT DA DIFFONDERE IN TUTTO IL PAESE" In primo piano

Scritto da  Redazione Dic 04, 2017

La Calabria e l’immigrazione, le coop sociali e l’accoglienza. Questi i temi di una tavola rotonda che si è svolta nella sede del consiglio regionale a Reggio Calabria lo scorso I dicembre organizzato da Legacoop Calabria. A presentare lo scenario calabrese e di altre regioni è stato Pino De Lucia del Gruppo immigrazione nazionale di Legacoopsociali: “l'integrazione è un fenomeno sociale complesso e ricco di contraddizioni; se interpretato accompagnato e nutrito adeguatamente, può rappresentare una grande opportunità per tutti. Ma per poter realizzare una buona interazione abbiamo bisogno di una conoscenza diretta delle persone, ascoltare i loro bisogni, i loro sogni, le loro storie. Le nostre cooperative questo hanno fatto e questo continuano a fare nonostante le avversità, le tante umiliazioni, le offese sui mass-media, i continui attacchi da politici a caccia di consensi.Le nostre cooperative non gestiscono solo servizi, ma si fanno carico di tutta la sofferenza dei nostri ospiti, restando accanto a loro, ascoltandoli e ragionando su come affrontare la vita. Noi non ci occupiamo solo di migranti, il nostro intervento si rivolge a tutta l’umanità sofferente, il nostro obiettivo è migliorare la qualità di vita dei nostri territori e con la contaminazione culturale dei nostri ospiti probabilmente ce la faremo”.

De Lucia ha presentato diversi casi, oltre a quello di Crotone con la coop sociale Agorà Kroton, ci sono quelli di Roma con il progetto Gabri di Idea Prisma 82 e di Torino con la storia di due maliani che sono stati accompagnati in un percorso di integrazione: “Queste sono storie di chi comunque già per il fatto di essere arrivato vivo in Italia può ritenersi fortunato. Il nostro pensiero deve andare a chi dovrà affrontare un altro inverno nei campi della Turchia o di chi bloccato in Libia deve subire le violenze disumane Per quanto riguarda la nostra accoglienza interna esiste una grande difficoltà a trovare le strutture per fare buona accoglienza specie per quella diffusa. Se si pensa ai nostri paesini abbandonati e a quanto potrebbero ricevere in termini sociali dall’ accoglienza diffusa, perché non si trovano i fondi per ristrutturare le quelle case attraverso i Por per renderli agibili. Quanto questo cambierebbe anche la percezione che si ha sull’accoglienza”.

Il dibattito

"Grazie ad una sinergia istituzionale e il coordinamento con la Prefettura e la protezione civile, e grazie alle associazioni, alle cooperative, alla Caritas c'è più organizzazione nell'accoglienza – ha affermato il sindaco della città metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà - questo genera un sistema virtuoso soprattutto nei piccoli comuni. Non bisogna mai dimenticare che noi stessi siamo stati un popolo di migranti, non fare mai più sentire solo qualcuno che un domani potrà sentire sua questa terra, molto è stato fatto e molto da fare soprattutto sul piano giuridico". "Parlare di immigrazione è una sfida complessa che dovrebbe partire da un confronto paritario, ma non si può fare a meno del lavoro svolto dal ministro Minniti, che ha saputo interpretare lo spirito degli italiani. La Calabria quale terra di frontiera ha dato prove straordinaria di accoglienza e integrazione, a fronte dei problemi riesce ad esprimere forme compiute cittadinanza attiva e solidale", ha evidenziato il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto. Per la presidente di Legacoop Calabria, Angela Robbe, "bisogna fare rete e costruire delle proposte".

Mettere al centro la persona: questo è l'importante per don Antonino Pangallo, direttore della Caritas Diocesana di Reggio Calabria. "Se vogliamo comprendere il fenomeno migratorio, dobbiamo partire dal concetto di confine: coloro che partono mettono a rischio la vita". Don Ennio Stamile, referente di Libera Calabria, affronta la problematica dell'Immigrazione prima di tutto da un punto di vista storico e filosofico: "Questa visione ci consente di guardare al fenomeno nel suo insieme con una componente fondamentale che è quella del coraggio”

A tirare le somme prima della chiusura dei lavori, affidati all'assessore regionale al Lavoro e Welfare, Federica Roccisano, il presidente nazionale di Legacoop Mauro Lusetti. "Il tema dell'immigrazione, in vista della campagna elettorale, sarà un elemento divisivo: si deve quindi evitare ogni strumentalizzazione. Quello che serve – dice Lusetti – è un pensiero ed un'azione lunga, di controcultura e controinformazione perché di questo c'è davvero bisogno. Questa non è una battaglia come tante altre, ma è una battaglia che ha un valore strategico per l'affermazione e lo sviluppo, la riaffermazione dei valori costitutivi della cooperazione".

"Nel tentativo di semplificare il nostro linguaggio, dobbiamo lanciare messaggi forti e decisi per contrastare negatività con una comunicazione positiva – conclude Lusetti -. Questa esperienza calabrese è un punto di partenza per la creazione di un format da diffondere a livello nazionale, attraverso cui Legacoop e l'Alleanza delle cooperative parleranno di immigrazione in maniera univoca nei prossimi mesi".

"Non possiamo dimenticare che la nostra terra è crocevia dell'umanità. Dobbiamo assumerci l'onere e la responsabilità di contaminare gli altri territori: a questo serve raccontarci – ha affermato l'assessore Roccisano -. Le buone pratiche devono essere perfettamente replicabili da un territorio all'altro, senza mai perdere di vista la memoria di quello che siamo stati.

(Fonte dichiarazioni: Catanzaro Informa)

L'ultima modifica Lunedì, 04 Dicembre 2017 11:36
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31