Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 27 Maggio 2018

APPROVATA LA LEGGE PER EDUCATORI E PEDAGOGISTI: "UNA SVOLTA" In primo piano

Scritto da  Redazione Dic 20, 2017

Educatori e pedagogisti hanno una loro legge, che regola, tutela e valorizza la professione: è stato infatti approvato l'emendamento alla legge di bilancio che contiene le nuove norme. La legge prevede, tra le principali novità, l'obbligo della laurea per l'esercizio della professione. l’entrata in vigore del testo di Legge Iori, dopo le discussioni e l’approvazione in Senato, sarà accompagnata da una fase transitoria: gli educatori senza laurea potranno completare la loro formazione attraverso un percorso intensivo, che prevede il superamento di 60 CFU presso Università, anche in modalità telematica. 

“Il provvedimento che disciplina le figure dell’educatore professionale e del pedagogista è finalmente legge! - esulta la deputata Pd Vanna Iori, promotrice e prima firmataria - È una svolta per la tutela e la valorizzazione delle professionalità. Il via libera dell’emendamento alla legge di bilancio, approvato in commissione alla Camera, segna infatti un passaggio storico, atteso da decenni. Grazie a questa legge – spiega Vanna Iori - si avranno servizi educativi più efficienti attraverso una valorizzazione del lavoro svolto dai circa 150 mila operatori del settore, che si occupano delle categorie sociali più fragili, dai minori agli anziani, dai disabili ai detenuti, dagli immigrati ai tossicodipendenti. Per la prima volta in Italia – continua - si mette ordine nella confusione normativa, stabilendo l’obbligatorietà della laurea per esercitare queste professioni: educatori, infatti, non ci si improvvisa ed è al contrario necessaria un’adeguata preparazione e formazione” 

Certo, ammette Iori, “la laurea non è una garanzia sufficiente, perché sono necessarie anche passione e intelligenza emotiva, ma sicuramente acquisire le competenze di base per il delicato compito educativo è un requisito indispensabile. Con questa legge – conclude - si potranno sanare quelle situazioni di precarietà professionale e sociale e ridare dignità culturale e sociale del lavoro educativo: risposte formative che i grandi cambiamenti sociali richiedono”.

(Fonte: Redattore Sociale/Dire)

 

L'ultima modifica Mercoledì, 20 Dicembre 2017 15:14
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Maggio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31