Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 26 Settembre 2018

foto Baobab foto Baobab

"DAREMO FUOCO A VOI E AI VOSTRI NEGRI": MINACCE AL BAOBAB, ESCALATION DI VIOLENZA POLITICA In primo piano

Scritto da  Giuseppe Manzo Feb 21, 2018

“Daremo fuoco a voi e ai vostri negri”. Queste le minacce contro i volontari di Baobab Esperience a Roma oggi. A renderlo noto sono gli stessi attivisti sociali in una nota sulla loro pagina facebook. “I difensori della patria sono venuti di nuovo a farci visita. Non per portare cibo, o tende, o per un servizio giornalistico, ma per gridarci questo e minacciare le volontarie e i ragazzi ospiti del nostro presidio che in quel momento si trovavano all’ingresso del campo”.

Non è un caso isolato. Alcuni giorni fa sono state disegnate delle svastiche ricamate con la bomboletta spray e si sono ripetuti insulti razzisti, sessismo: "puttana sei una puttana", ripetevano a una volontaria, riprese col telefonino delle auto e dei presenti in quel momento. E ancora intimidazioni e minacce.

I volontari hanno già fornito tutte le informazioni utili ad identificare gli autori della parata “e faremo tutto quello che va fatto affinché la magistratura indaghi”. E annunciano che continueranno a fare quello la loro azione di solidarietà attiva come in Via Cupa, al Verano, a piazzale Spadolini, “Abbiamo centocinquanta ‘negri a cui dare fuoco’ – scrivono ironico gli attivisti di Baobab - al campo, ma per scaldarli mentre le temperature vanno a picco. Abbiamo tre pasti da servire ogni giorno, tende e sacchi a pelo da procurare, malati e vittime di tortura da far visitare, pratiche di assistenza legale da mandare avanti, curriculum da scrivere per la ricerca di lavoro, attività sociali e sportive da mettere in piedi”.

Queste minacce arrivano in un momento di altissima tensione e di scontro. A Perugia un attivista di Potere al Popolo è stato accoltellato mentre faceva attacchinaggio di manifesti elettorali dopo scontro con un gruppo di Casa Pound: per lui lesioni non gravi. Forza Nuova, intanto, in un escalation di azioni violente e aggressive ha occupato gli studi della trasmissione Di Martedì de La7, ieri sera. E sempre a Roma è stata imbrattata la lapide di Aldo Moro con una svastica e scritte ingiuriose. A Palermo, intanto, gli inquirenti stanno provando a fare chiarezza sull’aggressione contro il leader locale dei neofascisti di Roberto Fiore: un pregiudicato che in passato è stato arrestato per rapina e pestaggi ai danni di ambulanti immigrati.

Da Macerata in poi la campagna elettorale si è trasformata in uno scontro sul campo tra le formazioni di estrema destra e vicine a Salvini e le reti antifasciste che a Bologna, Piacenza e Napoli si sono scontrate con la polizia. Dopo quattro decenni si sta riaffacciando la violenza politica nel nostro Paese, molto spesso di ispirazione razzista e xenofoba.

 

L'ultima modifica Mercoledì, 21 Febbraio 2018 16:37
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30