Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 22 Giugno 2018

ACCOGLIENZA, COOPERATIVE E "BUSINESS"? LEGACOOPSOCIALI RISPONDE A SALVINI In primo piano

Scritto da  Redazione Giu 14, 2018

Da alcuni giorni leggiamo l’accostamento quotidiano tra la parola “cooperativa” e la parola “business” in merito all’accoglienza di migranti e rifugiati e ai famigerati 35 euro. A ribadire questo concetto è il ministro dell’Interno Matteo Salvini a cui "rivolgiamo alcuni chiarimenti di fatto".

“Legacoopsociali è pronta a confrontarsi pubblicamente sui dati e sulle attività delle proprie cooperative in merito a questo settore nel quale la cooperazione tutta rappresenta circa il 30% delle attività nel sistema nazionale di accoglienza”. Così specifica in una nota l’associazione nazionale.

“Per quanto riguarda i controlli ai soggetti che gestiscono servizi di accoglienza – prosegue - Legacoopsociali e le sue associate è assolutamente d'accordo, anzi li auspica. Chiediamo però che ci sia una restituzione al paese dei risultati dei controlli, anche perché siamo certi che emergeranno tantissime buone pratiche e ricadute positive sui territori. E siamo pronti a contrapporci alle false cooperative e a tutti quelli che speculano sull’accoglienza”.

“Abbiamo, inoltre, sancito la nostra contrarietà a ogni logica dell’emergenza rispetto alla gestione dell’immigrazione – aggiunge Legacoopsociali - e confermiamo che il nostro ruolo non riguarda i mega centri per rifugiati e richiedenti asilo o quelli di identificazione ed espulsione”.

Infine le proposte elaborate con Anci e ministero dell’Interno un anno fa: “Siamo tra i firmatari della Carta della Buona Accoglienza stipulata nel 2017 con il ministero dell’Interno, con l’Anci e con l’Alleanza delle cooperative sociali italiane.  Con la Carta le cooperative si sono impegnate a rispettare dei requisiti base nella gestione dell'accoglienza, espressi nei 4 obiettivi principali: offrire misure mirate alla persona; favorire l'integrazione puntando su piccoli numeri e diffusione nei territori; garantire la titolarità pubblica degli interventi grazie, al coordinamento con prefetture e comuni; rendere di conseguenza l'inclusione sostenibile per le comunità locali, evitando tensioni e conflittualità”.

 

L'ultima modifica Giovedì, 14 Giugno 2018 10:52
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Giugno 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30