Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 19 Ottobre 2017

DA 25 ANNI GLI SCATTI "CONTROLUCE" DI NAPOLI

Scritto da  Giuseppe Manzo Ott 27, 2015

"Illuminiamo i monumenti dentro e fuori", la rassegna culturale promossa dalla Città Metropolitana di Napoli entra nel vivo da giovedì 29 ottobre con l'apertura della mostra"Controluce 1991 – 2014", a cura di Maria Savarese. Saranno esposte 60 foto e proiettate 800, alcune sono inedite. (a sinistra una foto che è già storia: i funerali di Pino Daniele in piazza Plebiscito firmata Salvatore Laporta) 

 

Saranno esposte fino al 7 gennaio 2016, 60 fotografie, e proiettate altre 800, alcune delle quali mai viste prima, frutto di una selezione operata all'interno dell'enorme archivio fotografico -oltre 400.000 immagini- dell'Agenzia Controluce che sin dalla sua nascita nel 1991 si è proposta come punto di riferimento per la copertura fotografica dei maggiori eventi del Sud Italia.

I 60 scatti ripercorrono la storia della città dal 1991 ai giorni nostri attraverso specifiche tematiche (politica, criminalità, cronaca nera, lavoro, sport, spettacolo, cultura, vedute aeree di Napoli, tradizioni popolari). L'altro nucleo centrale del progetto espositivo è la proiezione di 800 foto all'interno degli otto rosoni presenti nel porticato del chiostro. "Far rivivere i rosoni del chiostro di Santa Maria La Nova con immagini proiettate al loro interno – scrive Maria Savarese nel suo testo in catalogo - significa ridare vita ad uno spazio concepito per accogliere icone o dipinti. La scelta di proiettare anche alcune foto del Sud Italia significa ribadire l'antico ruolo di capitale cui Napoli ha assolto fino a due secoli addietro, e che in un certo senso assolve ancora".

Al centro del racconto per immagini, lungo quasi 25 anni, Napoli, nel suo rapporto con i fotografi napoletani – Mario Laporta, Carlo Hermann, Salvatore Laporta, Alfonso Di Vincenzo, Roberta Basile, Alessio Buccafusca, tra gli altri – che seguono ogni giorno la vita pulsante della città, da testimoni oculari che hanno dismesso da tempo il concetto romantico di fotogiornalismo a favore di una testimonianza immediata e diretta.

Tenendo conto di un archivio sterminato, costruito per progressiva accumulazione, l'obiettivo principale dell'esposizione è di attraversare un ventennio, di fotografia e di cronaca: dal bianco e nero al colore, dall'analogico al digitale, dalla stagione di Bassolino a quella di De Magistris, estraendo da una parte le fotografie emblematiche, gli istanti essenziali entrati a far parte dell'immaginario collettivo; dall'altra, di affiancare a quanto già noto, storie apparentemente marginali, immagini spesso mai viste, poco riconoscibili, in grado di restituire al fotogiornalismo, a Napoli, al Sud e al racconto di questi ultimi venticinque anni, profondità e multifocalità visiva, quasi una sorta di tridimensionalità narrativa.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da arte'm con testi di Maria Savarese, Mario Laporta, Antonio Biasiucci, Fabio Donato e Cesare Accetta.

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31