Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 15 Dicembre 2017

A CASA CERVI SARÀ UN "FUTURO RESISTENTE"

Scritto da  Giuseppe Manzo Mar 09, 2016

Libera rassegna d'arte giovane. Giovani ad alta resistenza, creano idee positive per migliorare la qualità della vita quotidiana. Scopo della rassegna è interagire con i giovani che intendono partecipare alla Festa del 25 Aprile a Casa Cervi. 

 

La difficile condizione sociale in cui le giovani generazioni si trovano a vivere, con la precarietà del futuro lavorativo, il cambiamento delle relazioni sociali, oltre alla privazione dell'ideale aspirazione a migliorare la propria condizione di vita, ha portato alla mancanza di fiducia nelle istituzioni e nella classe politica in generale, dalla quale da tempo non si sentono rappresentati e ascoltati.

Il risultato spesso è un totale disinteresse verso la partecipazione civile, e un progressivo distacco da un mondo, quello dell'"impegno", che percepiscono lontano e poco stimolante. Scopo della rassegna è interagire con i giovani, partendo dai loro linguaggi espressivi e dalla loro "grammatica comunicativa", in particolare con i giovani che intendono partecipare alla Festa del 25 Aprile a Casa Cervi, luogo simbolo della Resistenza, e da diversi anni meta di tanti ragazzi e ragazze. Da questa grandissima presenza giovanile, nasce la volontà di accogliere le loro opinioni, espresse con le forme dell'arte più libera e con il lessico proprio di questo tempo. Stimolare in loro un protagonismo attivo sui temi suscitati dalla manifestazione ha l'intento di per ridare loro fiducia in una partecipazione più diretta alla società e alla politica. Alla base di questa proposta stanno, naturalmente, i valori propri della Resistenza e della Costituzione, quali la libertà, i diritti, il ripudio della guerra.

In generale, tutto ciò che i giovani vedono nel 25 Aprile in chiave di attualità, per immaginare il loro futuro sostenibile. Il progetto si rivolge anche agli adulti, che devono essere ricettori rispettosi delle idee che emergeranno, dovranno lasciare libertà di espressione non soltanto nella forma, ma anche nei contenuti, pronti ad essere sorpresi, spiazzati, contraddetti dalle giovani generazioni. La libera rassegna accetta opere di pittura, fumetti, fotografia, grafica, pensieri, racconti, poesie, frasi. Tutte le opere raccolte saranno esposte in un'area del parco, creando un percorso di visione e lettura.

Il premio è rappresentato dalla stessa esposizione stessa dei lavori in un luogo così importante e nell'ambito di una manifestazione che richiama un numero elevatissimo di persone. Tutte le opere da presentare devono avere come tema centrale le nuove resistenze che si snodano attorno ai valori cardine della lotta per l'uguaglianza e la libertà visti nella prospettiva del futuro. Guardare con attenzione al passato per costruire un futuro migliore e più sostenibile. Si possono affrontare temi come il lavoro, i diritti, la sicurezza sociale, l'integrazione culturale o altro partendo dai valori sopra descritti e nell'ottica indicata.

A promuovere tra gli altri la rassegna è il Consorzio di coop sociali Quaranticinque di Reggio Emilia. 

Redazione Emilia Romagna

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31