Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

"COME CRISTO IN CROCE": IN UN LIBRO "LA STORIA DI ANTONIA", 40 ANNI DOPO In primo piano

Scritto da  Redazione Ott 24, 2017

«Ci legavano come Cristo in croce». Nelle librerie esce “Storia di Antonia. Viaggio al termine di unmanicomio”, il libro inchiesta che ricostruisce la tragica vicenda di Antonia Bernardini. Venerdi 27 ottobre, alle ore 17.30, presso l'Ex OPG Je so' pazzo(Via Matteo Imbriani 218), presentazione del libroStoria di Antonia. Viaggio al termine di un manicomio (Sensibili alle foglie 2017) di Dario Stefano Dell'Aquila e Antonio Esposito. Con gli autori interverranno una attivista EX OPG Je so' Pazzo, Yasmine Accardo della campagna LasiateCIEntrare, Grazia Serradel “Comitato Verità e Giustizia per Franco Mastrogiovanni”.

«Ci legavano come Cristo in Croce». Le parole di Antonia Bernardini restituiscono l’inferno nel quale è costretta a vivere gli ultimi 15 mesi della sua vita: il manicomio criminale di Pozzuoli, dove viene internata, a seguito di un banale diverbio, in attesa di un processo che non si svolgerà mai. Antonia muore, il 31 dicembre 1974, a causa delle ustioni riportate per l’incendio del letto di contenzione sul quale era legata da 43 giorni.

La sua fine atroce destò scalpore, portò il tema dei manicomi criminali al centro del dibattito pubblico, determinò la chiusura dell’istituto puteolano. Venne istruito anche un processo che, dopo le condanne in primo grado, si concluse in Appello senza colpevoli. Poi, per oltre 40 anni, su questa storia è calato il silenzio.

Il libro Storia di Antonia. Viaggio al termine di un manicomio,pubblicato questo ottobre dalla casa editrice Sensibili alle foglie, per la prima volta offre una ricostruzione completa, realizzata recuperando materiale d’archivio inedito, il dibattito dell’epoca, le testimonianze dei diversi protagonisti. Un complesso lavoro di inchiesta, durato oltre due anni, che tesse una dolorosa ma avvincente trama narrativa, nella quale ritroviamo, con Antonia, la vita di altre donne,  come l'attrice del living theatre Carol Lobravico Berger,vittime di quella stessa violenza istituzionale, e un dispositivo, quello psichiatrico, le cui logiche e prassi ripropongono, ancora oggi, l’orizzonte manicomiale.

«Quella di Antonia Bernardini è una storia di ingiustizia, violenza, assenza di cura - affermano gli autori del libro - Purtroppo, per tanti aspetti conserva una tragica attualità, sia nell'universo dell'assistenza psichiatrica che in luoghi di reclusione come carceri, rems, centri per migranti. È una vicenda del passato che parla al presente, riproponendosi ogni volta che una una persona sofferente è legata ad un letto di contenzione, è mortificata nellasua dignità, le sono negati diritti ed assistenza».

 

 

L'ultima modifica Martedì, 24 Ottobre 2017 12:45
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30