Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 11 Dicembre 2017

ABBIAMO PERSO UN INTELLETTUALE: A 40 ANNI CI LASCIA ALESSANDRO LEOGRANDE In primo piano

Scritto da  Cronaca Nov 27, 2017

Si è spento improvvisamente Alessandro Leogrando, giornalista e scrittore tarantino.  Laureato in filosofia a Roma, incontra Goffredo Fofi iniziando a collaborare con la rivista "Lo Straniero" di cui è divenuto vicedirettore. Scrive su quotidiani come il "Corriere del Mezzogiorno" e riviste quali "Internazionale" e "Minima&moralia". Ha curato con Goffredo Fofi l'antologia Nel Sud senza bussola. Venti voci per ritrovare l'orientamento (Napoli, L'ancora del Mediterraneo, 2002), e la raccolta di racconti sul calcio Ogni maledetta domenica.

Molto forte è stato il suo impegno sul fronte delle migrazioni e del caporalato in Puglia. Ha scritto “Uomini e caporali: viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud” (Mondadori, 2008) con cui ha vinto il Premio Napoli (poi, Milano, Feltrinelli, 2016). E ancora “Il naufragio: morte nel Mediterraneo”, (Feltrinelli, 2011) e “La frontiera”, (Feltrinelli, 2015) con cui ha vinto il Premio Pozzale Luigi Russo.

Così il padre Stefano lo ricorda su facebook: “Alessandro è stato un uomo di grande fede nel Cristo e nell' uomo. Tutto questo l'ha portato, già da giovanissimo, nello scoutismo e successivamente nei campi di volontariato della Caritas Diocesana di Taranto in Albania e, come giornalista e scrittore, si è impegnato in difesa degli ultimi e dei ferocemente sfruttati nei più diversi contesti : nell'ambito del caporalato, degli immigrati, dei desaparecidos in Argentina, ed ovunque ci sia stato un sopruso. A Voi tutti, chiediamo una preghiera, perché la nostra Luminosa ed Alba Maria c'illuminino e ci diano la forza di superare il dolore e lo sgomento umano e che possa sempre l'O.S.A. essere apportatice di Luce ovunque. Consentitemi, per favore, le lungaggini, che può fare un padre, che non riesce a lenire il proprio dolore. Alessandro, per me, era bellissimo. Alessandro era la Gioia, Che entrando in casa , ci coinvolgeva e travolgeva,roboante e trascinante;ma era anche il lavoro fatto bene, analitico e profondo; tutto alla ricerca della verità; ed era anche la denuncia; fatta con lo stile dell'annuncio, che, nonostante tutto, un mondo migliore, è ancora possibile. Ho sempre percepito, orgogliosamte, che la Sua essenza fosse molto, ma molto migliore della mia. Oggi questo padre si sente orfano. Sento pesantemente scendere le ombre nella mia vita. Spero tanto nella Luminosa"

L'ultima modifica Lunedì, 27 Novembre 2017 12:18
Cronaca

Cronaca

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31