Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Ottobre 2017

CAMPANIA: NASCE ALLEANZA COOP SOCIALI

Scritto da  Redazione Mar 03, 2015

Nasce Alleanza cooperative sociali in Campania. Il coordinamento composto da Legacoopsociali, Federsolidarietà e Agci Solidarietà avrà come primo portavoce Luca Sorrentino. Ecco come sarà organizzata e quali sono le priorità.

Il 2 marzo si è costituito il Coordinamento Campano della Cooperazione Sociale della Alleanza delle Cooperative Italiane. Giuseppina Colosimo – Agci Solidarietà Campania, Giovanpaolo Gaudino – Federsolidarietà Campania, Luca Sorrentino – Legacoopsociali Campania, condividendo la necessità e l'opportunità aggregativa dell'alleanza, per favorire il rafforzamento della rappresentanza politico – sindacale delle imprese, ai fini del consolidamento e dello sviluppo delle cooperative aderenti, hanno inteso dar vita al coordinamento campano delle cooperazione sociale.

Tale coordinamento, nel rispetto dei regolamenti e accordi assunti con la costituzione dell'ACI, nazionale e regionale, sarà composto dai rappresentanti pro-tempore delle rispettive associazioni e sarà coordinato da uno dei partecipanti a rotazione, per la durata di un anno.

La rotazione sarà così strutturata: primo anno – Legacoopsociali , secondo anno – Agci Solidarietà , terzo anno – Federsolidarietà. A inaugurare quindi il ruolo di coordinatore sarà Luca Sorrentino. Che avrà funzioni di portavoce, presenzierà, insieme ai rappresentanti delle altre associazioni, ai tavoli istituzionali e interverrà per nome e per conto dell'Alleanza, sui temi e sugli argomenti precedentemente concordati.

In relazione alla condizione socio – economica della regione e sulla base delle necessità/difficoltà delle nostre cooperative Sorrentino spiega come sarà organizzato il coordinamento delle tre centrali cooperative campane del settore sociale: "Sulle risorse è necessario adoprarsi affinché vengano finanziate adeguatamente le politiche sociali regionali. Ciò attraverso la definizione della quota capitaria regionale e l'istituzione di un capito di spesa dedicato per il socio sanitario. Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione va migliorato il sistema di accreditamento regionale dei soggetti deputati all'erogazione dei servizi sociali e socio-sanitari, con l'adozione dell'albo regionale dei soggetti accreditati, la definizione delle modalità di libera scelta del cittadino del fornitore dei servizi, l'adozione di tariffe dei servizi nonché dei costi standard per le attività non in accreditamento, la definizione dei criteri di selezione del contraente per i servizi in appalto. Sulla programmazione dei fondi strutturali, in considerazione delle necessità implementative delle quote regionali, a sostegno del conto gestione dei servizi e a sostegno dell'economia sociale, con l'adozione di veri e propri sistemi di ingegneria finanziaria, come presupposto per l'accesso al credito facilitato per le cooperative sociali. Infine per l'inserimento lavorativo: rafforzando il ruolo della cooperazione sociale di tipo B a partire dalla rapida attuazione della legge regionale sulla cooperazione sociale recentemente approvata, la definizione del ruolo della cooperazione sociale nelle politiche attive del lavoro, l'individuazione di risorse finanziarie dedicate per l'inserimento lavorativo".

Redazione Campania

@nelpaeseit

 
 
 
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31