Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 11 Dicembre 2017

BASTA ROGHI: I CITTADINI SI MOBILITANO IN DIFESA DELL'AMBIENTE

Scritto da  Redazione Lug 25, 2017

“Basta: Stiamo morendo lentamente”.Questo il monito dei cittadini di Ponticelli, San Giovanni e Barra sentito ieri sera alla manifestazione. In piazza anche a Casalnuovo con la rete Stop Biocidio e oggi in pieno centro la mobilitazione delle popolazioni vesuviane.

A Napoli è l’ora della piazza. Da ieri i cittadini scendono a manifestare dopo 15 giorni di “guerra dei fuochi”. A Casalnuovo in centinaia hanno sfilato con la rete Stop Biocidio per le strade di uno dei comuni più colpiti dai roghi e dagli sversamenti abusivi di rifiuti. Oggi è la volta delle popolazioni vesuviane che, preoccupate per il rischio idrogeologico denunciato dagli esperti dopo il fuoco, saranno nel centro di Napoli per chiedere prevenzione e difesa del territorio. E ieri anche la periferia est della città ha iniziato la sua mobilitazione.

E a nulla sembra sia servito a placare preoccupazione e rabbia il protocollo firmato in Prefettura a Napoli, dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dal Prefetto di Napoli, Carmela Pagano, dall’Incaricato del Ministro dell’Interno contro i roghi di rifiuti, Michele Campanaro e dal Presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo, il protocollo d’Intesa “TERRA DEI FUOCHI” con l'obiettivo di sradicare i fenomeni dello sversamento illecito e dell'incendio di rifiuti, con misure dedicate di carattere straordinario. Il protocollo sancisce una collaborazione al fine di coordinare le azioni speciali previste per affrontare il tema “Terra dei Fuochi”, azioni per le quali la Regione Campania ha stanziato circa 40 milioni di euro.

La piazza

“Basta: Stiamo morendo lentamente”.Questo il monito dei cittadini di Ponticelli, San Giovanni e Barra sentito ieri sera alla manifestazione “Non si gioca con il fuoco: Nuova Aria per #NapoliEst” indetta dalla rete Napoli ZETA-Zona Est Tavolo Aperto.

Oltre un centinaio di persone ieri hanno affollato lo spazio antistante il Parco de Filippo a Ponticelli, a pochi passi dai roghi tossici che negli ultimi giorni hanno invaso l’aria est della città. “Una situazione che non viene affrontata dalla Municipalità, dal Comune e dalla Regione”. Queste le parole di uno dei partecipanti che abita a pochi passi dal rogo dell’ ex bitumificio sito in via Agostino Nifo.

“Sono 8 giorni che siamo chiusi in casa. Non possiamo respirare – dichiara una ragazza - Ci è arrivata una diffida della Polizia Municipale in cui ci invitava ad abbandonare le nostre abitazioni in quanto non potevamo respirare quei fumi perchè tossici. Questi roghi sono tuttora accesi. Le istituzioni comunali e regionali non ci ascoltano”. Cosa brucia? Amianto, gomme, plastiche.
Tra le istituzioni presenti, il neo assessore al Verde e alla Qualità della vita del Comune di Napoli, Maria D’Ambrosio, il vice presidente della VI Municipalità, Gianluca Maglione, e altri esponenti
del consiglio municipale.

“Qui è necessario non isolare le questioni – dichiara uno degli esponenti della rete ZETA - La vicenda dei roghi di Ponticelli va inserita in una questione più grande: quella di NapoliEst. Bisogna mettere su un’unica grande vertenza “ambiente e salute”. A pochi metri dal Parco de Filippo c’è la Q8 che è sotto inchiesta per smaltimento illegale di rifiuti tossici. Uno smaltimento compiuto non negli ultimi 10/15 anni, ma negli ultimi 50 anni. Vogliamo sapere cosa c’è in questo sottosuolo. Inoltre, c’è la questione mare: abbiamo il tratto di costa più inquinato della Campania. Una delle mission del collettivo Napoli Zeta è quello di creare una vertenza “Ambiente e salute”, chiediamo vertenza sul territorio affinchè il nostro territorio non rappresenti un pericolo per la salute.

Napoli ZETA – Zone Est Tavolo Aperto è la Rete di oltre 20 realtà, associazioni, comitati e singoli che operano nella periferia est di Napoli: Barra, Ponticelli e San Giovanni. Emergenza sociale, ambiente e salute, rigenerazione urbana sono i 3 punti perchè Napoli possa ripartire dalla Zeta.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31