Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 24 Novembre 2017

IL NIDO D'INFANZIA NEL NOME DEL PARTIGIANO MOSÈ

Scritto da  Giuseppe Manzo Dic 11, 2014

"Il Nido di infanzia, in quanto uno dei primi luoghi di aggregazione per i bambini e le loro famiglie, prende il nome dal partigiano Elvise Carpi, nome di battaglia Mosè, che all'età di 21 anni è stato uno dei primi caduti di guerra originari di Cadelbosco Sopra": inizia così il testo della targa scoperta il 9 dicembre nel Nido d'Infanzia gestito dalla coop sociale Argento Vivo.

"Il Nido di infanzia, in quanto uno dei primi luoghi di aggregazione per i bambini e le loro famiglie, prende il nome dal partigiano Elvise Carpi, nome di battaglia Mosè, che all'età di 21 anni è stato uno dei primi caduti di guerra originari di Cadelbosco Sopra; attraverso il suo sacrificio crediamo di aver ricevuto in eredità l'importanza di custodire e trasmettere alle nuove generazioni il valore della democrazia. Anche per questo l'Amministrazione Comunale ha scelto di intitolare alla sua memoria, lasciando un messaggio di auspicio per tutta la comunità: fondare il senso di appartenenza ad un territorio e il senso di cittadinanza sui valori della partecipazione, del confronto, del rispetto e dell'ascolto degli altri, della solidarietà. In questo modo fin da bambini è possibile crescere con valori forti quali la libertà di scelta, il valore dell'uguaglianza e grazie a ciò possiamo essere cittadini attivi e responsabili all'interno della comunità".

E' questo il testo della targa scoperta il 9 dicembre nel Nido d'Infanzia Elvise Carpi di Zurco (Cadelbosco di Sopra), dedicato al giovane partigiano caduto nel 1941. La targa è stata scoperta a 70 anni dalla scomparsa del partigiano "Mosè" nel corso di una partecipata e toccante iniziativa organizzata nell'accogliente Nido dal Comune di Cadelbosco di Sopra, dall'Anpi, dall'Asp Opus Civium e dalla cooperativa sociale Argento Vivo, che gestisce il nido. Presenti all'iniziativa i famigliari di Elvise Carpi, amministratori pubblici, cittadini e familiari, oltre agli operatori della cooperativa.

Hanno spiegato il senso dell'iniziativa Anna Bigi, responsabile del Dipartimento educativo dell'Asp Opus Civium (a cui è demandata dal Comune la gestione dei servizi alla persona), il pedagogista di Argento Vivo Lorenzo Vascotto, il presidente dell'Anpi di Cadelbosco di Sopra Ivano Manicardi e il sindaco Tania Tellini.

Redazione Emilia Romagna

@nelpaeseit

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30