Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 24 Novembre 2017

TOR SAPIENZA: FIACCOLATA "INCLUSIVA" AL CAMPIDOGLIO

Scritto da  Redazione Dic 02, 2014

Mobilitazione promossa dall'Arci di Roma in collaborazione con Acli, Centro Astalli, Cgil Cisl, Uil, Comunità Sant'Egidio, Fondazione internazionale DI Liegro, Forum Terzo Settore, Associazione Libera, Social Pride. Aderisce anche Legacoopsociali Lazio. "L'accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo, fra i quali molte sono le donne e i minori, è un dovere ineludibile per una società civile".

Il prossimo 4 dicembre alle ore 18 una fiaccolata si snoderà dal Colosseo al Campidoglio per condannare con fermezza ogni tipo di violenza, praticare la via del dialogo, avviare concretamente un processo di recupero e riqualificazione delle periferie romane.
"L'accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo, fra i quali molte sono le donne e i minori, è un dovere ineludibile per una società civile e per una comunità degna di questo nome. Non è ammissibile che le diverse comunità di immigrati, in fuga dalle persecuzioni e dalle guerre, non trovino nell'Europa e nello Stato italiano la garanzia prevista dai trattati e dalle normative internazionali". Questo è scritto nel comunicato che annuncia la mobilitazione promossa dall'Arci di Roma in collaborazione con Acli, Centro Astalli, Cgil Cisl, Uil, Comunità Sant'Egidio, Fondazione internazionale DI Liegro, Forum Terzo Settore, Associazione Libera, Social Pride.

"L'inclusione non è un problema di sicurezza: è un problema sociale e come tale va trattato. I fatti di Tor Sapienza sono emblematici da questo punto di vista e rischiano di creare un precedente pericoloso, innescando una dinamica secondo la quale alla violenza si risponde con l'arretramento dello Stato. Viceversa, proprio il ruolo dello Stato e delle istituzioni va rafforzato, partendo dalla qualità dei servizi pubblici erogati".

Infine le richieste: "Le istituzioni devono dare una risposta immediata al disagio sociale delle periferie, sia attribuendo maggiori risorse e poteri ai municipi e agli enti di prossimità e di sussidiarietà, sia coinvolgendo tutti i soggetti sociali in un'azione corale, la sola in grado di creare coesione. Riteniamo doveroso richiamare le coscienze civili della città, le istituzioni, le associazioni e le comunità a focalizzare l'attenzione sulla centralità dei temi dell'integrazione e dell'inclusione sociale, ponendosi, al contempo, a garanzia di quell'irrinunciabile senso di sicurezza che soltanto un attento governo del territorio può fornire".

All'iniziativa aderiscono anche Arci nazionale e Legacoopsociali Lazio. "Legacoopsociali Lazio che associa centinaia di cooperative sociali impegnate da sempre in prima linea per la coesione sociale, per lo sviluppo locale dei territori, per l'inclusione lavorativa, per una società collaborativa e un welfare di prossimità, aderisce alla fiaccolata del 4 dicembre per una città sicura e inclusiva da costruire insieme". Lo ha dichiarato Pino Bongiorno, responsabile dell'associazione regionale.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30