Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 16 Dicembre 2017

BOLZANO, DOPO MORTE PICCOLO ADAN: "CANCELLATE QUELLA CIRCOLARE" In primo piano

Scritto da  Redazione Ott 09, 2017

ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) esprime “forte rammarico” per la morte del piccolo Adan, cittadino iracheno di etnia curda, avvenuta la notte tra il 7 e l'8 ottobre a Bolzano. La famiglia di Adan, composta oltre che dai genitori da altri tre figli minori, era giunta nel territorio di Bolzano lo scorso primo ottobre.

Secondo quanto si è appreso, il giorno successivo all'arrivo, dopo una notte trascorsa all'aperto, la famiglia si è rivolta al servizio di consulenza profughi della Caritas e al Servizio di Assistenza Umanitaria dell'Associazione Volontarius per ottenere supporto per l'accesso alla procedura per il riconoscimento della protezione internazionale e alle misure di accoglienza.

Nella notte tra il 2 e il 3 ottobre, in assenza di riscontri da parte del Servizio di Integrazione Sociale della Provincia di Bolzano, informato della situazione familiare dal Servizio di Consulenza Profughi della Cartias, la famiglia ha dormito in un ricovero di fortuna all'interno della struttura ospedaliera. Martedì 3 ottobre il padre e i tre fratelli di Adan si sono recati in Questura per la manifestazione di volontà di richiesta protezione internazionale.

Nonostante gli ulteriori solleciti da parte del servizio Consulenza Profughi della Caritas, le istituzioni locali hanno dato riscontro negativo alla richiesta di accesso all'accoglienza in ragione del fatto che il nucleo risultava avere già presentato richiesta di protezione internazionale in Svezia ed era giunto a Bolzano a seguito della notifica di un provvedimento negativo e del rischio di rimpatrio nel Paese d'origine.

Nei giorni successivi la famiglia è stata sostenuta unicamente dalle associazioni e dalla società civile che si è mobilitata per trovare soluzioni di fortuna ed evitare al nucleo familiare di dover dormire all'aperto.

Venerdì 6 ottobre, la famiglia ha potuto formalizzare la richiesta di protezione internazionale. Successivamente, all'uscita della Questura, a seguito di una caduta accidentale dovuta alla presenza di un ostacolo, Adan è stato nuovamente ricoverato in ospedale dove è stata accertata la rottura di entrambi gli arti inferiori e sono stati riscontrati sintomi infettivi. Sabato 7 ottobre Adan è stato trasferito dal reparto di rianimazione a quello di pediatria chirurgica. Nella notte di sabato le condizioni di Adan sono peggiorate e nella notte il bambino è deceduto.

In base alla normativa in vigore la famiglia di Adan avrebbe avuto diritto all'accoglienza fin dal momento della manifestazione di volontà di chiedere protezione internazionale tanto più che, in ragione delle condizioni di salute di Adan e della presenza di minori, avrebbero dovuto essere considerate persone portatrici di esigenze particolari.

ASGI ha già avuto modo di denunciare i profili di illegittimità della cd. Circolare Critelli, in base alla quale "Sono escluse dall'accoglienza temporanea quali soggetti vulnerabili le persone che risultano essere state presenti in altri stati europei, o in altri stati esteri anche non europei nei quali era presente la possibilità di chiedervi asilo, nonchè le persone per le quali sia riscontrabile una presenza anche temporanea in altre regioni italiane", e di intervenire, affiancando le altre associazioni attive sul territorio, per consentire l'accesso all'accoglienza di altre persone vulnerabili escluse dall'accoglienza, compresi minori stranieri non accompagnati e donne sole con figli minori.

ASGI ha rilevato “come il diritto all'accoglienza sia riconosciuto oltre che da disposizioni nazionali da norme dell'Unione Europea con la conseguenza che l'introduzione in materia di protezione internazionale di previsioni contrastanti con tale disposizioni, tanto più se contenute in una circolare, debba ritenersi illegittima e automaticamente inapplicabile”.

In particolare, ASGI ricorda come, ai sensi dell'art. 1 c. 2 e c. 3 D. Lgs. 142/2015 “le misure di accoglienza debbano applicarsi fin dal momento della manifestazione di volontà di chiedere protezione internazionale e l'accesso all'accoglienza debba essere garantito anche ai richiedenti protezione internazionale soggetti al procedimento previsto dal regolamento Dublino”.

In base alla normativa richiamata, la famiglia di Adan avrebbe dunque avuto diritto all'accoglienza fin dal momento della manifestazione di volontà di chiedere protezione internazionale tanto più che, in ragione delle condizioni di salute di Adan e della presenza di minori, avrebbero dovuto essere considerate persone portatrici di esigenze particolari ai sensi dell'art. 17 del medesimo D. Lgs. 142/2015.

Tanto la Corte di Giustizia dell'Unione Europea quanto la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo hanno già avuto modo di pronunciarsi sull'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, richiamando gli obblighi degli Stati derivanti dal diritto dell'Unione Europeaed evidenziando come i richiedenti protezione internazionale debbano essere considerati come soggetti facenti parte di un gruppo particolarmente vulnerabile e svantaggiato titolari di un bisogno di protezione specifico.

ASGI chiede pertanto che “la Provincia di Bolzano, che accoglie meno dell'1% del totale dei migranti accolti a livello nazionale, proceda al ritiro immediato della Circolare Critelli e provveda a fornire adeguata accoglienza alla famiglia di Adan, garantendo nel contempo l'accertamento dei fatti e di eventuali responsabilità connesse al decesso”.

 

L'ultima modifica Lunedì, 09 Ottobre 2017 12:39
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31