Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 15 Ottobre 2018

Innovazione tecnologica, mobilità sostenibile, integrazione culturale, difesa dell'ambiente e lotta agli sprechi. Sono le parole chiave della cooperazione del terzo millennio, secondo i ragazzi delle scuole bolognesi che hanno partecipato a Vitamina C.

Per la sezione senior (scuole secondarie di secondo grado) si sono confrontate cinque classi: IV A del Liceo Artistico Arcangeli (coop tutor: Open Group); IV C del Liceo Laura Bassi  (coop tutor: Uniser); Interclasse di V del Liceo Galvani (coop tutor: Edificatrice Ansaloni); Interclasse di III del Liceo Fermi (coop tutor: Local to you e Cpr System); classe III Q SIA del ITCS Salvemini (coop tutor: Bit Purple).

Per la sezione junior (scuole secondarie di primo) si sono confrontate le classi III B della scuola media Saffi (coop tutor: La Formica, Pizzeria etica La Fattoria di Masaniello); e III C della scuola media Zappa (coop tutor: Ossigeno).

A ognuna delle classi in gara è stato assegnato un premio di 500 euro (devoluto alle scuole per l'acquisto di materiale didattico) oltre ad un buono acquisto, da utilizzare alle librerie.coop,  per ogni studente ed insegnante.

Oltre ai premi di partecipazione, sono stati assegnati anche tre premi di merito (uno per la sezione Junior, due per la sezione senior), consistenti in una stampante 3D di ultima generazione. La cerimonia di premiazione c'è stata oggi, nel corso di un evento alla Fondazione Golinelli a cui hanno partecipato i ragazzi delle classi in gara, le cooperative tutor e i promotori del progetto.

I vincitori della prima edizione del progetto sono:

Classe III Q SIA del Salvemini, che ha presentato il progetto How to Save? per la creazione di una cooperativa di lavoro che si prefigge lo scopo di ridurre gli sprechi alimentari e di altri prodotti (detergenti, medicinali, creme.) tramite la creazione di un'app che legga i codici a barre con la fotocamera dello smartphone,  cataloghi i prodotti in relazione alla data di scadenza ed invii automaticamente un sms di avviso in prossimità della stessa.

Classe IV C del Liceo Laura Bassi, che ha presentato il progetto Be Around per la creazione di una cooperativa di lavoro per agevolare l'incontro tra cittadini stranieri in mobilità e la cultura locale, integrando attività più tradizionali (corsi di lingua, servizio biblioteca, tour turistici guidati) con l'utilizzo di una APP, pensata per favorire l'apprendimento "incidentale" della lingua italiana e della cultura locale.

"Lavorare con i ragazzi è sempre entusiasmante, per l'energia e gli stimoli che trasmettono - dichiara Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna -  Di questa prima edizione di Vitamina C, mi piace evidenziare la sintonia tra progetti dei ragazzi e il grande tema dello sviluppo sostenibile, che sarà uno dei driver della cooperazione del futuro. Le cooperative bolognesi stanno già lavorando per poter raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda Onu 2030, l'incontro con le idee e i progetti di questi futuri cooperatori è la conferma che quella è la strada da percorrere".

"Cooperando si impara - dichiara Daniele Passini, presidente di Confcooperative Bologna - Vale per i ragazzi a cui proponiamo un percorso fatto di processi di apprendimento collaborativo e di problem solving. Vale per noi che da questo incontro con i più giovani cogliamo ogni anno sguardi nuovi sul fenomeno mutualistico, apprezzandone ancora una volta l'attualità".

Vitamina C è il nuovo progetto di educazione all'imprenditorialità cooperativa per le Scuole Secondarie di I e II grado di Bologna promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna realizzato in collaborazione con il Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l'Economia Sociale e grazie al contributo della Camera di Commercio di Bologna e della Fondazione del Monte e il patrocinio dell'Ufficio Scolastico Regionale.

Nella prima edizione di Vitamina C sono stati coinvolti circa 140 ragazzi, ma si tratta di un progetto con radici profonde nelle scuole e nella cooperazione. Storicamente chiamato Coopyright (10 edizioni dal 2007 al 2017 hanno partecipato oltre 2200 studenti, 85 classi e 38 scuole), da novembre 2017 il percorso si è rinnovato inserendosi nell'ambito del progetto Millennials.coop, con l'obiettivo di favorire tra gli studenti una maggiore consapevolezza su processi, competenze e abilità con un particolare focus sullo sviluppo della capacità imprenditoriale.

 

Vitamina C – Cooperazione, Condivisione e Cultura di Impresa è il nuovo progetto di educazione all'imprenditorialità cooperativa promosso da Legacoop Bologna, Confcooperative Bologna e il Centro di Documentazione sulla Cooperazione e l'Economia Sociale. Il progetto rappresenta la prima sperimentazione italiana in ambito cooperativo dell' EntreComp (Entrepreneurship Competence Framework) della Commissione Europea. Vitamina C è  stato presentato oggi all'Opificio Golinelli agli alunni delle classi in concorso. Il progetto è realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Bologna e la Fondazione del Monte e con il patrocinio dell'Ufficio Scolastico Regionale.

L'EntreComp intende l'imprenditorialità come una competenza trasversale chiave in tutte le sfere della vita, definendola come la capacità di "agire sulle opportunità e sulle idee per trasformarle in valore per gli altri". Per la prima volta grazie all'EntreComp l'imprenditorialità in Europa è intesa in chiave collettiva e non solo individuale. Applicato alla cooperazione, l'approccio di EntreComp si realizza pienamente, valorizzando i principi di condivisione, partecipazione e mutualità, fondanti per il mondo cooperativo.

Il progetto educativo di Vitamina C è un percorso che possa che ha l'obiettivo di portare gli studenti delle scuole secondarie di I° e II° grado a riflettere sulle proprie competenze in ottica cooperativa. "Con questo progetto abbiamo voluto innovare i nostri percorsi di promozione cooperativa per i giovani. Grazie al lavoro di ricerca svolto da tutor e docenti coordinati dalla equipe educativa di Open Group - dichiara Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna -  abbiamo introdotto una nuova metodologia europea che evidenzia come le competenze imprenditoriali diventino più efficaci quando vengono sviluppate in forma collaborativa e cooperativa."

Per gli studenti delle scuole di II° (sia licei che istituti tecnici), inoltre, è previsto un percorso di ideazione di un'impresa cooperativa rispondendo appieno alle linee definite dalle direttive dell'alternanza scuola-lavoro. Nel corso dell'evento di presentazione gli studenti delle scuole che partecipano al progetto Vitamina C hanno interagito attraverso "Entrecomp-Escape Room: libera le tue competenze" un nuovo laboratorio educativo ideato e organizzato dalla Cooperativa Open Group.

"La collaborazione con i più giovani ci sollecita a ricercare sempre nuovi linguaggi, perché siamo convinti che la cooperazione possa rappresentare ancora una risposta positiva per le esigenze delle persone – dichiara Daniele Passini, presidente di Confcooperative Bologna – Continuiamo a investire sulla collaborazione fra il mondo della scuola e le imprese cooperative".

Alla presentazione di Vitamina C sono intervenuti: Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna, Daniele Passini, presidente di Confcooperative Bologna, Roberto Lippi, presidente Open Group, Eugenia Ferrara, responsabile aree scuola e divulgazione, Giada Grandi, segreterio generale della Camera di Commercio di Bologna, Ethel Frasinetti, Consigliere Delegato Solidarietà Sociale Fondazione del Monte.

 

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31