Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

MIGRANTI E SBARCHI: "AGIRE CON URGENZA"

Scritto da  Giuseppe Manzo Mar 05, 2015

Dopo la nuova strage di migranti intervengono le associazioni. Amnesty: "La Commissione europea ha riconosciuto pubblicamente che Triton non ha sostituito l'italiana Mare nostrum. Sicuramente è urgente prevedere di usare tutte le risorse disponibili". Arci: "Riattivare Mare Nostrum"

Il day after della nuova strage nel canale di Sicilia vede le reazioni di associazioni e Ong sul tema immigrazione. Navi mercantili e navi della Guardia costiera nazionali hanno nuovamente risposto valorosamente alla sfida immensa e crescente di salvare la vita di migranti, rifugiati e richiedenti asilo vulnerabili al largo delle coste meridionali dell'Europa," ha dichiarato Gauri van Gulik, vice direttore del Programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.

"Ma questo è ben lungi dall'essere sufficiente di fronte a questa crescente crisi umanitaria. Senza un'operazione di ricerca e soccorso europea, l'approccio dell'Unione europea appare sempre più casuale e negligente". In 24 ore, il 3 marzo, otto operazioni distinte di ricerca e salvataggio nel Canale di Sicilia hanno salvato almeno 941 migranti. In un incidente, un'imbarcazione si è capovolta quando i rifugiati, fra cui molti siriani secondo la Guardia costiera italiana, hanno visto un rimorchiatore in lontananza e si sono raggruppati su un lato della barca. Sebbene 121 persone siano state salvate da questa imbarcazione, sono stati recuperati 10 cadaveri.

Le chiamate di sos più recenti sono giunte da circa 50 miglia nautiche (92 km) a nord della Libia, ben oltre le acque pattugliate da Triton, l'operazione di gestione delle frontiere dell'Unione europea (Ue). Sia navi mercantili sia navi della Guardia costiera italiana e tunisina hanno risposto alle chiamate di soccorso. Anche una nave di Triton è stata coinvolta per rafforzare gli sforzi nazionali.

Nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles il 4 marzo, la Commissione europea ha dichiarato che l'Ue ha bisogno di un "senso di urgenza" collettivo riguardo alla sua risposta alla migrazione verso l'Europa. Una nuova Agenda europea sulla migrazione, che sarà lanciata a metà maggio, includerà l'aumento di rotte migratorie verso l'Europa sicure e legali. Ma non si prevede di aprire la strada a una missione di ricerca e soccorso coordinata per rispondere al crescente numero di morti in mare. Amnesty International ha chiesto ripetutamente una missione di ricerca e soccorso di livello europeo con almeno lo stesso mandato e le stesse risorse dell'operazione italiana Mare nostrum, che ha salvato oltre 170.000 vite prima che fosse chiusa alla fine dell'anno scorso.

"La Commissione europea ha riconosciuto pubblicamente che Triton non ha sostituito l'italiana Mare nostrum. Sicuramente è urgente prevedere di usare tutte le risorse disponibili per colmare il vuoto lasciato dalla chiusura di questa vitale missione di ricerca e soccorso" ha affermato Iverna McGowan, direttrice ad interim dell'Ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee.

Altri organismi internazionali hanno ripetuto questo appello. In un comunicato stampa diramato prima di una riunione chiave dell'Organizzazione marittima internazionale delle Nazioni Unite il 4 marzo a Londra, l'International Chamber of Shipping (ICS) ha invitato gli stati membri dell'Ue ad "agire con urgenza per evitare la perdita di ulteriori migliaia di vite".

Per l'Arci, "ogni giorno, d'estate così come d'inverno, la legge del mare viene derisa e violata. La solidarietà umana negata e umiliata. La responsabilità politica sepolta nei fondali marini insieme alle vittime dell'ipocrisia. Le persona in fuga da guerre e persecuzioni non si fermano. Non le ferma il mare grosso, non le ferma il filo spinato, non le ferma un fucile puntato, un muro di cinta, una montagna, tantomeno le ferma l'irresponsabilità politica degli attuali legislatori o, più banalmente, il razzismo delle leggi". Continua l'associazione: "I pescatori di Lampedusa hanno ricevuto il premio internazionale delle Colombe d'oro per il loro contributo significativo al mantenimento della pace. I lampedusani hanno ricevuto il premio Cittadini d'Europa 2014 per essere espressione genuina dei valori espressi nelle carte dell'UE. Impariamo da loro. Imparate da loro".

"Ancora una volta – concludono -, davanti all'ennesima tragedia vi chiediamo di fare scelte concrete e non chiacchiere: aprire canali umanitari che permettano alle persone di venire a chiedere asilo in Europa! Riattivare Mare Nostrum".

Redazione

@nelpaeseit

L'ultima modifica Mercoledì, 05 Luglio 2017 16:31
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30