Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Ottobre 2017

DISCRIMINAZIONE: IL PRIMATO SUL POSTO DI LAVORO

Scritto da  Giuseppe Manzo Gen 15, 2013

Sono stati presentati oggi a Milano, durante la conferenza stampa “Diversity & Employability” organizzata da Diversitalavoro, i primi dati raccolti sulla discriminazione in Italia da UNAR, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, relativi al periodo gennaio-ottobre 2012.

Se tra il 2010 e il 2011 sono stati i mass-media l'ambito in cui si era registrato il maggior numero di episodi di discriminazione, i primi dieci mesi del 2012 hanno segnato un primato allarmante: quello del lavoro, contesto in cui si è verificato il 35% degli atti discriminatori (+15,4%), con particolare riferimento alle fasi di accesso all'occupazione (75,5%). A segnalare questi episodi sono state soprattutto le vittime (53,8%) più che i testimoni (40,9%). “ Il mobbing, l'accesso all'occupazione e le condizioni lavorative rappresentano i maggiori punti critici su cui il diversity management deve intervenire” ha dichiarato  Marco Buemi, referente di UNAR.

 

Diversitalavoro: oltre trenta persone assunte nel 2012

Nel corso della conferenza stampa, sono stati inoltre presentati i risultati della rilevazione effettuata sugli oltre 5000 utenti iscritti nell’ultimo anno al sito diDiversitalavoro (www.diversitalavoro.it), il progetto promosso da UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), Fondazione Sodalitas, Synesis Career Service e Fondazione Adecco per le Pari Opportunità che ha come obiettivo quello di favorire l'inserimento nel mondo del lavoro di laureati/diplomati con disabilità, iscritti alle categorie protette e/o di origine straniera.

Le 320 risposte pervenute hanno permesso di delineare il profilo delle persone con disabilità, di origine straniera o transgender alla ricerca di opportunità dedicate di ascolto, valorizzazione delle competenze ed inserimento professionale.

Nel 2012 chi ha partecipato a una edizione del Career Day lo ha fatto tendenzialmente per la prima volta (96%), traendone grande soddisfazione (88%). Le 755 persone che hanno preso parte a Diversitalavoro nell'ultimo anno erano soprattutto laureate (67%) e laureande (8%) e prevalentemente con disabilità (69%); le persone di origine straniera intervenute sono state il 29,5%, mentre le persone transgender l'1,5%. Di questi, 31 persone (il 4,1%) hanno trovato lavorocon un contratto di stage (32%), a tempo determinato (21%) e a tempo indeterminato (24%).

&qu ot;Da 6 anni il progetto Diversitalavoro è portatore di una cultura fattiva di inclusione e di valorizzazione delle diversità nel mondo del lavoro - ha dichiarato Paolo Beretta, partner di Synesis Career Service e responsabile del progetto Diversitalavoro - I numeri del 2012 sono l'ennesima conferma che nonostante le difficoltà che vive il mercato del lavoro e nonostante l'ulteriore svantaggio di alcune categorie di persone, le buone pratiche sono possibili e possono diffondersi. Lo dicono le storie di successo che Diversitalavoro racconta e lo dicono le oltre 40 aziende che nel 2012 partecipano al progetto".


Redazione

L'ultima modifica Lunedì, 04 Settembre 2017 15:12
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31