Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 19 Ottobre 2017

ALDROVANDI 12 ANNI DOPO, FERRARA RICORDA: LE PAROLE DEL PADRE

Scritto da  Cronaca Set 25, 2017

A Ferrara una serata di musica e parole per ricordare Federico Aldrovandi. La memoria del 18enne ucciso da 4 poliziotti 12 anni fa ha avuto nel coraggio della madre Patrizia Moretti un fattore fondamentale per ricostruire la verità e mantenere la memoria. Anche quando da alcuni sindacati di polizia ed esponenti politici di centrodestra sono partiti attacchi e insulti negli ultimi anni.

Sabato scorso si sono uniti anche gli ultras della Spal di cui Federico era tifoso e con loro anche quelli del Napoli dopo la partita disputata poco prima allo stadio Mazza. Memoria, impegno civile e calcio di una città che non vuole dimenticare. In questo nuovo triste anniversario è il papà Lino a ricordarlo sulla pagina facebook che porta il suo nome.

“Ore 6 e 04, del 25 settembre 2005. Il cuore di un ragazzo di 18 anni, in quella domenica mattina maledetta, fu fermato per sempre senza una ragione, da 4 persone con una divisa addosso.

L’ultima foto. 

L’avevano descritto come un ragazzone grande e grosso di 100 kili, ma ne pesava a malapena 70. Questo anche per cercare di giustificare quella violenza assurda e inopportuna usata su di lui, che gli procurò 54 ferite, la distruzione dello scroto e che vide ritornare in questura due manganelli rotti. Una violenza che lo uccise inesorabilmente spezzandogli il cuore, per una forte compressione o un forte colpo (Thiene), senza che avesse commesso nessun reato, e anche se fosse, ma non fu così, quella violenza non sarebbe stata minimamente giustificata. Uno di loro disse ad un operatore del 113, con cui era in contatto: “Abbiamo avuto una lotta di mezz'ora, l'abbiamo bastonato di brutto, solo che adesso è svenuto, non so, è mezzo morto...”, nel mentre, sempre qualcuno di loro: “moderate ci sono le luce accese”. 

Non esistono altre foto e altri ricordi se non questi, perché il destino, o peggio, quelle 4 persone in divisa, definite schegge impazzite da un procuratore in cassazione, non riuscirono a fermarsi in quell’azione di morte, nonostante lui li implorasse con parole semplici, di “basta e aiuto”. Questo dissero gli atti e i processi degli uomini. 

L’ultimo ricordo. 

E’ il giorno del suo diciottesimo compleanno dove in assenza di Patrizia e Stefano che erano in vacanza, volli stargli accanto per preparargli anche la sua torta, con le sue diciotto candeline sopra. Ricordo che non venne molto bene quella torta, ma Federico apprezzò comunque. Il suo abbraccio, il suo sorriso, di quel 17 luglio 2005 li sento ancora e non mi hanno mai lasciato per un istante in questi 12 anni di lotte, di perdite, di buio più profondo, ma soprattutto una cosa mi rimarrà per sempre avvolta al mio cuore, quel “grazie papà” di quell’ultimo compleanno.

Avrei potuto concludere questi 18 anni di frammenti di vita e di ricordi con la foto che lo ritrae nella sua interezza di diciottenne (qui tornava da una vacanza) ed un’altra, quella terribile che tutti conoscono. Scelgo di non farlo, perché lo voglio ricordare ancora così, piccolo, bello e sereno con quello sguardo rivolto al futuro, come se potessi ancora sorreggerlo in spalla, a proteggerlo dai mali del mondo. Il suo sorriso e la sua anima siano sempre un qualcosa che arrivi dritta ai cuori di tanti genitori e figli, e anche a quelli che hanno le "certezze in tasca", perché a loro “non succederà mai”, ma soprattutto alle coscienze, di chi la verità la conosce e non l’ha raccontata.

Ciao mio Federico, riposa in pace e se riuscirai, ascoltandoci da chissà dove, perdonaci. Solo tu lo potrai fare. Solo tu”. 

@nelpaeseit

L'ultima modifica Lunedì, 25 Settembre 2017 11:40
Cronaca

Cronaca

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31