Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 15 Dicembre 2017

CONSUMI, LA CRISI MORDE E GLI ITALIANI TAGLIANO

Scritto da  Giuseppe Manzo Ago 31, 2015

Si taglia su trasporti, abbigliamento e tempo libero. In diminuzione anche i beni alimentari che impegnano appena il 17% delle famiglie. Federconsumatori e Adusbef: "Le famiglie si trovano ancora in una situazione di profonda crisi - sostengono Federconsumatori e Adusbef - aggravata dai numerosi impegni economici previsti nel periodo autunnale. Si prospetta, infatti, una vera e propria stangata" 

 

La crisi continua e gli italiani stringono la cinghia. Dal 2004 al 2014, infatti, la spesa media mensile delle famiglie è aumentata di soli 108 euro (+4,5%). Continua a crescere anche il divario di spesa tra le regioni del Nord e quelle del Sud, con il carrello della spesa del settentrione che lo scorso anno supera del 42,4% quello del meridione (2.790 euro contro 1.959 euro, con una differenza di 831 euro). Lo rilevano i dati Istat contenuti negli annuari statistici 'L'Italia in cifre' del 2004 e del 2014, messi a confronto dall'Adnkronos.
Se il dato medio complessivo raggiunge i 2.489 euro, facendo segnare un timido +4,5% rispetto al 2004, questo aumento è dovuto interamente all'incremento delle spese per l'abitazione. Complice l'aumento della tassazione su immobili e rifiuti, quella per la casa è l'unica voce di spesa in aumento (+21,9%) ed assorbe quasi il 37% del budget familiare.
Dove si taglia
A "pagare" l'aumento del costo della casa sono tutti gli altri settori. I trasporti (-36,9%), l'abbigliamento (-30%) e il tempo libero (-18,3%) sono le voci sulle quali gli italiani risparmiano di più. Ma non solo: anche a tavola si risparmia, con le spese per i beni alimentari che diminuiscono del 7,9%, arrivando ad impegnare appena il 17,5% del budget familiare.
A subire maggiormente questa 'stagnazione dei consumi' sono, ancora una volta, le famiglie del Sud. Le famiglie del mezzogiorno nel 2014 possono spendere solo 44 euro in più rispetto al 2014 (+2,3%), mentre al nord si sale a 101 euro (+3,7%). Il maggiore incremento di spesa per area geografica, invece, avviene al Centro dove, con 2.608 euro di spesa media mensile, l'aumento decennale è stato di 216 euro (+9%).
Anche il paniere Istat sulla spesa annuale per i beni durevoli, infine, conferma la tendenza degli italiani a stringere la cinghia. Negli ultimi dieci anni, infatti, sono calate le spese per tutti i tipi di elettrodomestici. Gli unici incrementi si registrano su telefoni cellulari e automobili, ultimi 'lussi' sui quali gli italiani non vogliono risparmiare.
Federconsumatori: "e ora arriva stangata d'autunno"

Associazioni dei consumatori deluse dai dati Istat sulle vendite al dettaglio: crescita "a ritmo da moviola", afferma il Codacons; "segnali ancora timidi e incerti", commentano Federconsumatori-Adusbef. "La lentezza che caratterizza il settore del commercio e' particolarmente deludente e dimostra come la crisi economica non sia ancora superata - spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi - Ci si aspettava nei primi mesi dell'anno una sensibile ripresa dei consumi da parte delle famiglie e di commercio e vendite in generale, che evidentemente non c'e' stata". "Le famiglie si trovano ancora in una situazione di profonda crisi - sostengono Federconsumatori e Adusbef - aggravata dai numerosi impegni economici previsti nel periodo autunnale. Si prospetta, infatti, una vera e propria stangata, il cui importo ammonterà mediamente a 1.760,23 euro. Questo inciderà ulteriormente, in maniera allarmante, sul potere di acquisto dei cittadini e sull'intero andamento del sistema economico". Secondo l'associazione, per far ripartire l' economia e' fondamentale avviare un serio Piano straordinario per il lavoro che punti sul rilancio degli investimenti. "Solo redistribuendo i redditi e dando nuove prospettive di crescita al Paese - dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef - sara' possibile realizzare quella ripresa della domanda interna che tutti ci auguriamo".

L'ultima modifica Martedì, 27 Giugno 2017 11:22
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Giornalista, Direttore nelpaese.it

Sito web nelpaese.it

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31