Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

BERTINORO: AL VIA LE GIORNATE ECONOMIA CIVILE CON I DATI ISTAT In primo piano

Scritto da  Cronaca Ott 13, 2017

È iniziata oggi la XVII edizione delle Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile, il tradizionale appuntamento di AICCON, che riunisce annualmente i maggiori rappresentanti del mondo del Terzo Settore, dell’Università, delle Istituzioni e delle imprese. Il dibattito, articolato in quattro sessioni, vedrà oltre 250 partecipanticonfrontarsi sui temi di maggiore attualità per il Terzo settore come la riforma del Terzo settore, educazione all'imprenditorialità sociale, sviluppo di nuove economie locali coesive e impatto sociale.

Come generare nuove economie? Come si ridefinisce il lavoro in un contesto sempre più produttivo imprenditoriale del Terzo settore? Da dove partire per affiancare a nuove norme giuridiche, rinnovate norme sociali?

È partito con queste domande il dibattito della Sessione di Apertura dal titolo “Fare luogo. Il Terzo settore fra normatività sociale e legislativa” – coordinata da Paolo Venturi, Direttore AICCON – a cui hanno partecipato Stefano Zamagni, Università di Bologna; Leonardo Becchetti, Università di Roma Tor Vergata; Michele Tiraboschi, Università di Modena e Reggio Emilia; Maurizio Gardini, Presidente Alleanza Cooperative Italiane/Presidente Confcooperative e Luigi Bobba, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

In particolare, il Sottosegretario Bobba  ha affrontato il tema della riforma e della  necessità di ricostruire nuovi legami “Voglio ricordare tre elementi: l’accentuazione della promozione delle reti dei soggetti del Terzo settore; il rafforzamento dell’incontro fra cittadini, imprese e realtà del terzo settore con agevolazioni di carattere fiscale; il tentativo di far uscire il Terzo settore dalla logica di fornitore strumentale della pubblica amministrazione e per farlo diventare un partner che co-progetta gli interventi.”

Presentazione Istat

In chiusura della mattinata Sabrina Stoppiello e Stefano Menghinello dell’Istat hanno annunciato che si è conclusa la rilevazione campionaria delle istituzioni non profit relativa all’anno 2016, i primi risultati saranno diffusi entro la fine del 2017. Nel suo intervento la Stoppiello ha analizzato l’evoluzione del settore non profit negli ultimi anni (2011-2015). Nel breve periodo si rileva una forte vivacità demografica con tassi di mortalità e natalità più elevati rispetto al mondo delle imprese.

Sono circa 62mila (il 20%) le istruzioni non profit (Inp) che hanno cessato la loro attività negli ultimi anni, la cessazione è legata ad una minore complessità organizzativa, dimensioni più contenute, lavoro più flessibile e meno strutturato (forte presenza di lavoratori esterni). Le Inp in vita sono relativamente più presenti al Centro e al Nord (Toscana, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Piemonte, Veneto la percentuale è superiore all’ 80%). Le Inp cessate sono relativamente più presenti Situate al Sud (Molise, Calabria, Abruzzo, Sicilia, Basilicata la percentuale è superiore al 24%).

Le istituzioni non profit censite nel 2011 ancora in vita nel 2015 risultano relativamente più presenti tra cooperative sociali e fondazioni, esistono da almeno 40 anni, operano con 20 e più volontari, gestiscono entrate superiori a 30mila€ annue (>83%), erogano più di un servizio (81,5%) e si occupano di Sostegno e supporto dei soggetti deboli (82,8%).

 

 

L'ultima modifica Venerdì, 13 Ottobre 2017 15:46
Cronaca

Cronaca

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30