Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 16 Ottobre 2018

"L'ARTE DI VIVERE INSIEME": IN UN LIBRO LE ESPERIENZE DI COHOUSING In primo piano

Scritto da  Redazione Mag 10, 2018

Un libro per chi nella propria casa vuole cerca solo un luogo da abitare ma anche il senso di comunità andato smarrito nella società moderna e nelle nostre città caotiche. Esce a maggio - mese dell'abitare collaborativo - “Cohousing. L’arte di vivere insieme”: Una mappatura, la più aggiornata, di tutte le esperienze di “abitazione collaborativa” già attive o in cantiere in Italia, che ne racconta al contempo le caratteristiche distintive: gli spazi e i servizi messi in comune, le pratiche sostenibili, le "porte aperte" al quartiere, la creazione di un welfare diffuso e basato sulle relazioni.

L'assunto è quindi che, nel cohousing, La “densità” urbana possa rappresentare un’opportunità piuttosto che un problema, là dove "vivere insieme" diventa un punto di forza e il condominio da luogo proverbiale per le liti, diventa un laboratorio di innovazione sociale. Le esperienze di questo libro raccontano infatti una straordinaria normalità, dove le pratiche di mutuo aiuto sono quotidiane e la condivisione è sinonimo di qualità della vita. Questo "manuale" spiega in modo chiaro e comprensibile la natura, lo spirito e la prassi del cohousing.

La prima parte del libro riporta, attraverso le voci dei "co-abitanti", le principali motivazioni che hanno portato a scegliere l'abitare collaborativo: il bisogno di relazioni autentiche, l'esigenza di spazi e opportunità che da soli non ci si potrebbe permettere, la condivisione di pratiche _green _e virtuose come la scelta di energie da fonti rinnovabili o il Gruppo d'acquisto solidale, l'apertura al quartiere e ad interventi nel sociale - come l'accoglienza a famiglie fragili e molti altri- . Oltre all'opportunità di conseguire un non trascurabile risparmio.

La seconda parte analizza i dati tratti dalla prima “Mappatura dell’abitare collaborativo in Italia”, curata da Housinglab e traccia - attraverso numeri e infografiche - una vera e propria "carta di identità"del cohousing e dei suoi co-abitanti. Enumera gli spazi, i servizi e le attività collaborative che si possono attivare tra gli abitanti, - dall'orto alla lavanderia in comune, dalla macchina collettiva al salone per le feste. Con un elenco dei cohousing e della "case collaborative" del nostro Paese, corredate da tutti i riferimenti.

L’ultima parte ospita i contributi di numerosi esperti che rispondono alle Faq, le domande più frequenti e importanti per chi inizia un percorso di abitare collaborativo: ad esempio se è meglio costruire o ristrutturare, quale forma giuridica adottare, come si gestisce in concreto un cohousing, comne si scrive un "regolamento", come prendere le decisioni e prevenire i conflitti, quali rapporti instaurare con la Pubblica Amministrazione. Una guida a tuttii passi del percorso, inclusi i costi da affrontare e le possibili fonti di finanziamento.

Paolo Mazzoleni, architetto definisce l'esperienza una "casa estesa" e scrive nella prefazione: "Un edificio collaborativo può essere una soluzione efficace alle necessità e ai bisogni di chi lo abita, ma può anche essere alimento straordinario per ciò che lo circonda. Una comunità che condivide spazi e servizi è un campo aperto dove coltivare convivenza. Un processo che richiede partecipazione attiva e continua è inevitabilmente, una palestra di cittadinanza, (…) un incubatore di urbanità".

Le riflessioni di Gabriele RabaiottI, Assessore alla Casa e ai Lavori Pubblici, Comune di Milano, Giordana Ferri, direttore Esecutivo di Fondazione Housing Sociale e Marta Mainieri, fondatrice di Collaboriamo offrono infine una pluralità di visioni sul tema dell'abitare collaborativo e invitano a "aumentare la scala", proiettando le esperienze su una dimensione di città. Scrive Rabaiotti: "Perché è importante un progetto sociale dell'abitare? Perché rimarca l'importanza della dimensione 'micro', della relazione, del rapporto interpersonale, del vicinato, rispetto al modello di pianificazione 'macro' che lavora sul grande spazio o sul servizio pubblico, sulla grande attrezzatura".

 

L'ultima modifica Giovedì, 10 Maggio 2018 09:49
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31