logo nelpaese

VIOLENZA DI GENERE: AUMENTANO DELITTI CONTRO LE DONNE

Sono stati 154 l'anno scorso, sono già 73 nei primi mesi del 2017. Sono i dati che ci ha fornito il Comandante generale dell'Arma dei carabinieri. A Napoli è scoppiato il caso della violenza subita da una donna di Agrigento durante un soggiorno nella zona di Chiaia.

 

 

"Gli omicidi complessivamente diminuiscono, i delitti di femminicidio no. Sono stati 154 l'anno scorso, sono già 73 nei primi mesi del 2017. Sono i dati che ci ha fornito il Comandante generale dell'Arma dei carabinieri". Lo rende noto la senatrice Pd Francesca Puglisi, presidente della commissione contro il femminicidio, al termine dell'audizione del generale Tullio Del Sette, Comandante generale dell'Arma.

"L'impegno dei Carabinieri e' encomiabile- sottolinea la parlamentare- nella capillare organizzazione dei Comandi provinciali (con 200 marescialli specializzati ed altri 50 operativi da settembre) nella formazione del personale nell'accogliere le vittime di violenza e nelle attivita' di formazione rivolta a ragazzi e ragazze nelle scuole. Secondo il generale si puo' fare ancora molto di piu'. Ad esempio la stampa e la TV possono stare piu' attenti a selezionare foto e notizie che presentano uomini colpevoli di delitti bestiali in immagini precedenti da coppia felice. L'emulazione e' purtroppo una molla che in molti casi risulta decisiva".

"Secondo il generale- conclude Puglisi- e' troppo presto per avere dati significativi sulle leggi adottate ma una misura che risulta particolarmente efficace e' quella sull'allontanamento d'urgenza dal domicilio familiare a carico dell'uomo violento".

Intanto ieri a Napoli è scoppiato il caso della violenza subita da una donna di Agrigento durante un soggiorno nella zona di Chiaia. Dal suo profilo facebook Camilla Zeta ha denunciato il tentativo di stupro nell’edificio del B&B dove soggiornava e la sua storia è stata diffusa dalla rete Non una di meno con hashtag #IoStoConCamilla.

Alcuni giornali hanno messo in dubbio la vicenda per la mancata denuncia e per il sospetto di un profilo fake. Camilla ha risposto alle accuse sempre su facebook: “questa cosa della denuncia sta diventando surreale... c'è bisogno di un foglio di carta affinché una violenza diventi reale? Tutte le donne che riempiono i pronto soccorso di notte, sono cadute dalle scale o hanno sbattuto al pensile di cucina? È un'ingiustizia talmente profonda che mi colpisce come un pugno allo stomaco”.

Redazione (Fonte: Redattore Sociale/Dire)

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop