logo nelpaese

WORLD WATER DAY: "DIFENDIAMO ACQUA POTABILE NEL CENTRO-SUD"

Il 22 marzo di ogni anno si celebra la Giornata mondiale dell'acqua, con lo scopo di sensibilizzare le istituzioni e i cittadini del mondo a prendere misure per affrontare la crisi idrica. Il geologo Franco Ortolani mette in guardia i rischi nelle regioni del Centro-Sud.

 

 

(riceviamo e pubblichiamo la riflessione del professore Franco Ortolani pubblicata sulla sua pagina facebook)

 

“World Water Day”, 22 marzo 2017. La giornata mondiale dell'acqua. Il 22 marzo di ogni anno si celebra la Giornata mondiale dell'acqua, con lo scopo di sensibilizzare le istituzioni e i cittadini del mondo a prendere misure per affrontare la crisi idrica.

L'uomo saggio è quello che riconosce la fortuna che ha avuto vivendo in un territorio dove affiorano le rocce carbonatiche carsificate che rappresentano perfetti serbatoi idrogeologici naturali che ci alimentano gratuitamente di acqua potabile e lo faranno, ancora, per l'eternità se qualche uomo criminale non inquinerà le falde.

I cittadini della Basilicata, Campania, Molise, Abruzzo e Lazio hanno questa fortuna. Ma non è tutto tranquillo. Le compagnie petrolifere hanno già avviato le ricerche di idrocarburi attraverso i serbatoi idrogeologici di acqua dolce per cercare gli idrocarburi in profondità mettendo le premesse di un inevitabile inquinamento. Nuove istanze di ricerca di idrocarburi incombono sui serbatoi idrogeologici tra Campania e Basilicata (istanze Monte Cavallo e Muro Lucano) che alimentano oltre 8000 litri al secondo di acqua potabile indispensabile per l'uso potabile ed irriguo.

Già un permesso di ricerca, il permesso Nusco, grava in parte sul bacino idrogeologico dei Monti Picentini che riforniscono la Puglia con oltre 7000 litri al secondo di acqua potabile. Da mesi cittadini ed istituzioni al confine tra Campania e Basilicata hanno lanciato il progetto del santuario dell'acqua potabile dei Monti di Muro Lucano- Monte Marzano monte Ogna-Contursi Terme per tutelare e valorizzare i rilievi montuosi che sono serbatoi idrogeologici insostituibili di acqua potabile gratuita. La Regione Campania sta per emanare una norma di tutela assoluta degli acquiferi carbonatici carsificati. Siamo all'inizio di una strada virtuosa, ma...ce ne vuole!

Su questa strada, momentaneamente, si sono aggregati nuovi compagni di strada che fino a qualche mese fa, in pratica, tifavano per le compagnie petrolifere fino al risultato del referendum del 4 dicembre 2016. Tutti gli acquiferi carbonatici devono essere protetti da ogni attività antropica inquinante e devono essere valorizzati come Santuari dell'Acqua Potabile. Subito. Noi che abbiamo la fortuna di disporre di tanta acqua potabile gratuitamente dobbiamo agire con buon senso e tutelare i serbatoi naturali per conservare non inquinata la risorsa idrica per le future generazioni.

Franco Ortolani - geologo

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop