Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Novembre 2017

ALGERIA: ESPULSI 2000 MIGRANTI SU BASE ETNICA In primo piano

Scritto da  Cronaca Ott 25, 2017

Amnesty International ha denunciato un discriminatorio giro di vite lanciato dalle autorità algerine, che nel corso delle ultime tre settimane ha determinato l'arresto e l'espulsione forzata verso il Niger e il Mali di oltre 2000 migranti provenienti da vari paesi dell'Africa subsahariana, tra cui oltre 300 minori almeno 25 dei quali non accompagnati.  La campagna repressiva è scattata il 22 settembre, quando la polizia e la gendarmeria hanno iniziato a effettuare arresti ad Algeri e nei suoi sobborghi. Gli arresti sono stati eseguiti sulla base del profilo razziale, senza cercare di verificare attraverso passaporti e altri documenti se i migranti avessero diritto di stare nel paese. Alcune delle persone poi espulse erano migranti irregolari, altri avevano dei regolari permesso di soggiorno. 

"Non esiste alcuna giustificazione per rastrellare ed espellere centinaia di persone sulla base del colore della loro pelle o del loro presunto paese di origine: si tratta di un caso eclatante di profilazione razziale", ha dichiarato Heba Morayef, direttrice delle ricerche sull'Africa del Nord di Amnesty International.  "Il numero degli arresti arbitrari e delle espulsioni sommarie e di massa delle ultime settimane rivela l'atteggiamento profondamente discriminatorio delle autorità algerine nei confronti dei migranti provenienti dai paesi dell'Africa subsahariana. Gli arresti e le espulsioni devono cessare immediatamente", ha proseguito Morayef. 

L'ultima ondata di arresti ed espulsioni ha avuto luogo poche settimane dopo che, ad agosto, un migliaio di persone, per lo più nigerine, erano state espulse in Niger. Altri arresti erano avvenuti nelle prime settimane di settembre. Ancora prima, a luglio, il ministro degli Affari esteri algerino aveva dichiarato che il massiccio afflusso di migranti in Algeria era gestito dalla criminalità organizzata mentre il capo del Gabinetto della presidenza della Repubblica aveva additato i migranti come responsabili di reati e di traffici illeciti, tra cui quello di droga.  A livello di opinione pubblica, proliferano sui social media i commenti xenofobi secondo i quali i migranti diffondono l'Hiv e portano via il lavoro agli algerini. A settembre, il ministro dei Trasporti ha emesso un'ordinanza - poi ritirata - per impedire ai migranti irregolari di usare i mezzi pubblici. 

Le autorità di Algeri non hanno fornito alcuna motivazione per i recenti arresti. Il 20 ottobre il ministro della Giustizia ha fatto sapere che "l'Algeria non ha chiuso le porte ai migranti stranieri" ma sta lavorando per "proteggere i confini e la sicurezza del paese".  Sulla base degli standard internazionali, nessuno può essere sottoposto a espulsione forzata verso un paese senza avere l'opportunità di contestare il provvedimento d'espulsione. Inoltre, nessuno deve essere rinviato in un paese dove potrebbe correre il rischio di subire gravi violazioni dei diritti umani. 

"Invece di calpestare i diritti dei migranti ed eseguire espulsioni di massa, le autorità algerine dovrebbero cercare di contrastare la discriminazione razziale e i discorsi d'odio contro le persone provenienti dall'Africa subsahariana e promuovere riforme di legge in favore del diritto dei migranti di rimanere nel paese", ha aggiunto Morayef.  Dal 22 settembre, una quindicina di rifugiati e richiedenti asilo che figuravano tra gli arrestati sono stati rilasciati dopo l'intervento dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati. 

Espulsioni di massa 

Dopo aver esaminato filmati e raccolto testimonianze, Amnesty International è riuscita a ricostruire cosa è accaduto alle persone arrestate ed espulse. L'organizzazione per i diritti umani ha anche intervistato alcuni dei migranti dopo l'arresto e l'espulsione nonché personale di organizzazioni umanitarie locali e internazionali in Algeria, Niger e Mali. Tre persone hanno denunciato ad Amnesty International di essere state picchiate al momento dell'arresto e una volta in stato di detenzione e di essere state private delle cure mediche. 

Centinaia di migranti arrestati il 22 settembre sono stati trattenuti dalla gendarmeria in un campo della Croce rossa algerina situato a Zeralda, 30 chilometri fuori da Algeri. Per due notti i migranti sono stati costretti a dormire sul pavimento senza materassi né coperte e sono stati alimentati a pane e margarina senza ricevere acqua e senza poter parlare con le rappresentanze consolari.  Sempre il 22 settembre, l'International Rescue Committee del Niger ha denunciato l'arrivo nel paese, esattamente ad Agadez, di oltre 600 migranti tra cui cittadini del Niger, della Guinea, del Burkina Faso e del Benin: tra loro, 100 donne e 200 minori. 

Il 28 settembre oltre 350 migranti sono stati trasferiti di notte in un campo della gendarmeria di Tamanrasset, nell'Algeria meridionale. In seguito sono stati portati nella città di confine di In Guezzam e da lì portati dalle forze di sicurezza algerine ad Assamaka, sul lato nigerino della frontiera. Il loro viaggio è terminato ad Agadez.  Secondo l'ufficio nigerino dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni, al 30 settembre ad Assamaka erano arrivati 357 migranti originari di Guinea, Mali, Costa d'Avorio, Senegal, Burkina Faso, Nigeria, Niger, Liberia, Camerun e Sierra Leone. 

In una seconda ondata di arresti, il 2 ottobre, sono stati arrestati oltre 500 migranti, per lo più impiegati nel settore delle costruzioni. Dopo essere stati trattenuti a Zeralda per tre giorni, sono stati trasferiti a Tamanrasset e poi a In Guezzam: circa 100 sono stati obbligati ad attraversare il confine e hanno camminato sei ore nel deserto prima di arrivare ad Assamaka, mentre altri sono stati abbandonati dalle autorità algerine sul lato nigerino della frontiera.  Arresti ed espulsioni sono proseguiti nelle ultime due settimane ad Algeri e a Blida: altri 500 migranti sono stati portati a Tamanrasset il 13 ottobre. 

L'International Rescue Committee del Niger ha segnalato ad Amnesty International l'arrivo di oltre 200 persone il 15 ottobre, di oltre 300 il 18 ottobre (tra cui oltre 90 minori, alcuni dei quali non accompagnati), e di 450 il 22 ottobre. Ulteriori 500 migranti dovrebbero arrivare ad Agadez il 25 ottobre. Secondo l'Alto commissariato Onu per i rifugiati almeno due persone hanno presentato domanda d'asilo in Niger dopo l'espulsione dall'Algeria.  Fonti locali hanno riferito ad Amnesty International che gli arresti proseguono e che centinaia di persone sono trattenute nel campo di Zeralda in attesa di essere trasferite a Tamanrasset. 

Le organizzazioni della società civile del Mali hanno fatto sapere ad Amnesty International che le autorità algerine hanno espulso migranti anche verso quel paese, soprattutto attraverso il passaggio di frontiera tra il villaggio di In Khalil (in Mali) e la città di Bordj Badji Mokhtar (nell'Algeria sudorientale). Non è chiaro il loro numero anche se nelle ultime due settimane è stato segnalato l'arrivo di almeno 100 persone di nazionalità diverse, bambini compresi. Alcune presentavano sintomi di disidratazione. 

L'ultima modifica Mercoledì, 25 Ottobre 2017 11:16
Cronaca

Cronaca

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30