Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 29 Maggio 2020

GAZA È SOLA: VIA ANCHE I COOPERANTI

Scritto da  Giuseppe Manzo Lug 10, 2014

La popolazione civile vittima delle bombe israeliane: 76 morti, 500 feriti. E ora anche le Ong costrette ad andar via: interrotti programmi emergenza

La Striscia di Gaza resta sola sotto le bombe israeliane che hanno lasciato a terra 76 morti e 500 feriti. Via anche i cooperanti italiani su ordine del Consolato italiano, la situazione è troppo pericolosa. "La situazione nell'area è terribile – ha raccontato Ilaria Masieri, cooperante fiorentina della Ong Terre des Hommes Italia – Ci hanno detto che non possiamo più restare e siamo stati costretti ad uscire da Gaza. I civili così rischiano di restare soli e con pochi aiuti". Questo significa che i civili restano senza programmi di emergenza a cui lavorano sette Ong: Terre des Hommes Italia, Ciss, Acs EducaAid, Oxfam Italia, Gvc, Vento di Terra.

L'agenzia spiega Redattore sociale cosa significa l'uscita delle Ong da Gaza: "Nello specifico, sono tre le Ong che si occupano di programmi in ambito emergenziale. Terre des Hommes si occupa di salute, in particolare dell'acquisto e della distribuzione di medicinali, del trasferimento dei minori verso strutture esterne alla Striscia, delle cure primarie per i minori e della formazione sul pronto soccorso medico e psicologico. L'associazione Ciss di Palermo interviene a sostegno dei minori affetti da disturbo post traumatico da stress attraverso counseling psicologico, creazione di ludoteche e clown therapy negli ospedali pediatrici. Vento di Terra, Ong di Milano, si occupa invece del sostegno ad una scuola materna costruita attraverso un altro fondo di emergenza con tecniche di bioedilizia in un villaggio beduino del nord attraverso la creazione di un centro infermieristico interno e di una mensa. Gvc, associazione di Bologna si occupa dell'allaccio alle fognature per circa 1.400 famiglie nell'area centrale della Striscia, tutte famiglie che non avevano nessun tipo di connessione alle infrastrutture della municipalità fino all'arrivo della Ong bolognese. Inoltre Gvc sostiene la Banca del Sangue di Gaza, fornendo reagenti e prodotti per la conservazione di sacche di sangue che vengono distribuite a tutti gli ospedali che ne fanno richiesta".

Anche la volontaria italiana Rosa Schiano, in collegamento skype con Gaza city da Napoli, ha fatto richiesta di entrare dall'Egitto ma al momento non è possibile. I territori palestinesi restano soli di fronte al silenzio della comunità internazionale che tace sulla sproporzione delle forze in campo. Tra i civili uccisi anche il giornalista Hamdi Shebab di Media 24: vietato raccontare il massacro di Gaza.

Giuseppe Manzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@nelpaeseit

L'ultima modifica Martedì, 18 Luglio 2017 13:14
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Maggio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31