Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 18 Giugno 2019

ODIO E DISCRIMINAZIONI: ORA TOCCA AI DISABILI

Scritto da  Giuseppe Manzo Ott 07, 2015

A Genova aggressione contro un giovane disabile ecuadoriano. Pochi giorni fa l'episodio in Puglia: nel Paese tanta rabbia contro i deboli

Pochi giorni fa la notizia di una persona con disabilità legata con il nastro adesivo attorno a un albero. Il tam tam sui social e poi non ci è stata una grande indignazione. Ora la storia si ripete e a subire forme di odio e di violenza è ancora un disabile. La denuncia arriva da Anfass ed è accaduto su un bus a Genova.

Il fatto è avvenuto a bordo della linea 20 di Atm, la società del trasporto pubblico locale. Anffas Genova, Anffas Liguria e la Cooperativa Sociale Genova Integrazione sottolineano che "ciò che maggiormente sgomenta di questa gravissima aggressione, oltre all'ignoranza e la malvagia stupidità mostrate da un inqualificabile personaggio, è la totale indifferenza di tutti gli altri passeggeri che pavidamente hanno tollerato questo maltrattamento prolungato nel tempo (dalla Foce a Sampierdarena), senza intervenire in alcun modo, con un atteggiamento vigliaccamente inerme: l'indifferenza ed il menefreghismo ghettizzano e discriminano".

"La doppia discriminazione (down – ecuadoriano) di cui è stato vittima il giovane, rischia di ledere il suo percorso di autonomia e va contro tutti i principi di inclusione sociale ed i diritti delle persone con disabilità intellettiva e relazionale: Anffas tutta, nella sua unitaria struttura associativa, esprime la massima solidarietà e sostegno al giovane ed alla sua famiglia". "Invitiamo – si legge nella lettera - le massime Autorità della città di Genova ad esprimersi non solo nella censura verbale di un simile accadimento, ma fare in modo che simili esecrabili fatti non debbano più ripetersi, provvedendo a favorire l'inclusione sociale e l'autodeterminazione delle persone con disabilità intellettiva e relazionale concretamente, anche attraverso metodi e strumenti che la nostra Associazione, che da più di cinquant'anni opera per la tutela dei diritti delle persone con disabilità, ha collaudato".

Da tempo su questo giornale monitoriamo lo stato di "salute" del Paese, non solo quella fisica ma anche quella collettiva: in giro c'è tanta rabbia, incontrollata e spesso indirizzata verso i deboli. Una rabbia cavalcata da alcune forze politiche per scopi elettorali: una situazione che non promette nulla di buono.

Giuseppe Manzo

@nelpaeseit

L'ultima modifica Martedì, 18 Luglio 2017 15:29
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Giugno 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30