Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 18 Novembre 2018

L'ESTATE ITALIANA, UN ANNO DOPO: IL RAZZISMO SPARA E UCCIDE In primo piano

Scritto da  Giuseppe Manzo Lug 30, 2018

“L’individuazione del nemico del migrante si è impossessata della stragrande maggioranza degli italiani: il 67% secondo Swg. I due terzi del Paese ha paura e quando hai paura puoi fare di tutto”.  Questo è un passaggio dell’editoriale scritto esattamente un anno fa. Allora ci furono le bombe carta, l'inizio della stagione d'odio contro le Ong, le intimidazioni a Don Biancalani. 

Dopo un anno l’estate italiana è ancora più nera. Ora quel “fare di tutto” è diventato realtà. Spari, aggressioni, violenze a sfondo razziale sono cronaca quotidiana. A sciogliere ogni rottura di un patto civile è stato Luca Traini con la sua tentata strage a Macerata. Poi gli omicidi dell’ambulante senegalese a Firenze e del sindacalista Soumaila Sacko in Calabria.

Negli ultimi 45 giorni sono stati 10 tra migranti e una bimba rom sono stati colpiti da proiettili a piombino e anche veri. Da Rimini a Napoli con Konate, dai ragazzi della provincia di Caserta a Roma fino al lavoratore capoverdiano a Vicenza: italiani che imbracciano fucili e pistole, prendono la mira e sparano.

Anche se ormai siamo fuori dalla “paura” che si è fatta maggioranza nel Paese il “fare di tutto” è diventata una prassi accertata, legittimata e difesa. Secondo il ministro dell’Interno Salvini “il razzismo è un’invenzione della sinistra” senza aver mai pronunciato frasi di condanna per uomini, donne e bambini aggrediti o sparati. Al tempo stesso sono le Ong e chi fa accoglienza a finire nel mirino, come complici di chissà quale malaffare.

È una trasformazione genetica che viene da lontano, cresciuta soprattutto negli ultimi 5 anni tra fake news e la voglia di avere un nemico a portata di mano. Il nero e il rom sono quelli più facili, magari da sparare. Ma non saranno gli unici perché non basterà: ci risentiamo fra un anno con la speranza di non dover raccontare un’estate peggiore in un Paese che ha perso la sua umanità.

L'ultima modifica Lunedì, 30 Luglio 2018 15:16
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30