Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 10 Dicembre 2018

DENIZ NAKI, STORIA DI UN CALCIATORE CURDO RADIATO PER AMORE DEL SUO POPOLO In primo piano

Scritto da  Redazione Feb 06, 2018

La storia del calciatore Deniz Naki non ha che fare con il campo. Curdo-tedesco, lo scorso gennaio Naki ha subito un attentato con colpi di pistola contro la sua auto. Poi dopo aver condiviso sui social un video che sosteneva una manifestazione contro l’offensiva militare turca di Afrin a Colonia è arrivata la decisione: radiato dalla Federazione calcio della Turchia.

Deniz ha affidato la sua risposta a una lettera pubblica che sta girando sulle pagine facebook dedicate al calcio popolare e antirazzista. Ecco il testo:

 

Ho giocato a calcio per due stagioni e mezzo, con entusiasmo, nella squadra dell’Amedspor alla quale ho dato il cuore. Di questo periodo, conservo dei bei ricordi che non potrei mai dimenticare nella mia vita. Oltre al calcio, abbiamo stretto legami sinceri con la nostra gente. Ho avuto giorni pieni di amore, rispetto, gioia e felicità, e una grande famiglia che mi aveva offerto ciò. Non si può dire che su questo cammino che abbiamo intrapreso con l'obiettivo della vittoria, abbiamo avuto molto successo. Ci ha sempre reso tristi. In qualità di Amedspor, eravamo tristi, abbiamo riso, ci siamo presi le nostre colpe. Abbiamo sentito e fatto sentire tutte queste emozioni nella veste della famiglia dell’Amedspor.

Anche prima dell’Amedspor la mia vita è stata costruita sulla libertà, la pace e la lotta per la mia terra. Sapendo che portare l'identità dell’Amedspor, richiede una lotta ardua e difficile, di restare sempre in piedi a testa alta, ho cercato di mostrare un atteggiamento adeguato. E mi sono comportato con la consapevolezza che tutto non si riduce al calcio. Dopo l’Amedspor continuerò ancora la mia vita, con questa attitudine. Ho messo al di sopra di tutto, gentilezza, bellezza, solidarietà, pace, vita umana e patriottismo, che richiedono una sensibilità sociale. Perché questi sono i valori a cui sono legato. Sono loro che mi rendono l’uomo che sono. Il giorno in cui dovessi rinunciare a questi valori, sarei distrutto.

"Chi non si riappropria del suo passato, non potrà avere né il suo presente né il suo futuro. La persona che non si riappropria della sua storia e della sua cultura, non potrà possedere la sua dignità e la sua vita libera. L'essere umano può esistere solo attraverso la sua storia, la sua cultura e la sua società. " Ho sempre vissuto secondo queste parole, che per me sono estremamente sensate. A causa di questa posizione, ho sofferto sui campi di calcio, molte volte, aggressioni verbali e fisiche. Il vile agguato che mi ha colpito di recente in Germania, avrebbe potuto togliermi la vita. So molto bene che Dio mi ha protetto attraverso le preghiere della nostra gente e delle persone che mi conoscono. Non sono rimasto insensibile ai massacri e agli scontri a Sur, Nusaybin, Silvan, Cizre, Silopi, Şırnak. Non potevo stare in silenzio mentre le persone morivano vicino a me e non mi l’ho fatto. Come persona che desidera la pace, non posso, neanche, rimanere insensibile alla guerra condotta in Africa. Perché le persone stanno morendo.

Ho fatto una richiesta di sensibilizzazione, in modo che queste morti, che questa guerra si fermi. Ho sempre reagito e continuerò a reagire contro la persecuzione, contro l'ingiustizia ovunque essa sia nel mondo. È un mio diritto umano e legittimo. Ma la stampa turca [quella al potere] ha riportato ciò per l’ennesima volta in maniera distorta trasformandomi in un bersaglio di una campagna di linciaggio mediatico. Per questi media di fango, queste pratiche di calunnia sono diventate una tradizione. Non dobbiamo dimenticare che le persone, prima di essere atleti, medici, insegnanti, artisti, amministratori, lavoratori, credenti o atei, di destra o di sinistra, conservatori o liberali ecc.,

Sono soprattutto esseri umani. E hanno la responsabilità di appropriarsi dei valori dell'umanità.

Sebbene con il mio club Amedspor, abbiamo rotto il nostro contratto di comune accordo, prima della decisione della Federcalcio turca, ho ricevuto pesanti sanzioni come mai nella storia del Consiglio disciplinare del calcio professionistico della Turchia. La mia licenza di calcio è stata rimossa, sono stato bandito dal calcio in Turchia e ho ricevuto multe esorbitanti. Il fatto che la federazione mi abbia dato la più grande sanzione della storia, dimostra quanto [questo gesto] sia politico e porta pregiudizi per partito preso.

So molto bene che la decisione è politica. Le vostre mani politiche, fasciste e sanguinose, hanno toccato come tutto il resto, anche il calcio. In verità, non vorrei essere parte di un sistema di calcio così sporco. In effetti, la vostra decisione mi ha alleviato un po'. Vorrei che fosse noto che questo tipo di sanzioni e imposizioni non possono togliere la mia ambizione per la pace, la libertà e il patriottismo. Non rimpiango nulla di ciò che ho fatto, e continuo a pensare a ciò che non potrò fare. La resa conduce al tradimento, alla resistenza alla vittoria. Abbiamo resistito a Koçgiri, abbiamo resistito ad Ağrı, abbiamo resistito a Dicle, Dersim, Kobanê e abbiamo resistito ad Afrin. Abbiamo resistito per il Kurdistan e continuiamo a resistere. Vinceremo. Per tutta la vita sono rimasto in piedi, ho difeso coloro che hanno ragione e vissuto degnamente.

Qualunque sia il contrario. Qualunque siano le conseguenze, questa attitudine sarà la mia filosofia di vita, fino alla mia morte. Se la morte deve venire, per questo popolo, per la pace, per una vita dignitosa, che venga pure. Dopo tutti questi periodi problematici, non posso tornare ad Amedspor e alle mie terre. Lascio al giudizio del nostro popolo, tutte le ingiustizie, le illegalità e le persecuzioni. Ringrazio infinitamente tutto l’Amedspor i nostri supporters i miei compagni di squadra e la nostra gente, che, soprattutto dopo il recente attacco, mi hanno chiamato, mi hanno sostenuto, e mi hanno dimostrato il loro supporto in tutto il mondo. Tornerò un giorno con il motto "ciò che non uccide, rafforza" e vivremo tutti insieme giorni di pace, serenità e libertà. Ci riusciremo. Questo non è un messaggio di addio ma di esistenza. Perché assieme alla mia identità calcistica, sono anche, fino alla fine delle mie unghie, il piccolo figlio di Seyit Rıza.

Vengo da Dersim, vengo da Amed, vengo dal Kurdistan. Con tutto il mio rispetto.

Deniz Naki

 

 

 

 

 

L'ultima modifica Martedì, 06 Febbraio 2018 16:12
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31