Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Settembre 2019

LA METAMORFOSI DEL PAESE: ECCO LE NUOVE FRATTURE SOCIALI

Scritto da  Redazione Lug 07, 2017

Il nostro Paese è in transizione, anzi in una metamorfosi. Lo segnala Swg nella sua rilevazione PoliticApp. La formazione del governo Monti, la campagna elettorale senza chiari vincitori del 2013, l’ascesa dei Cinquestelle e Renzi, la tripolarizzazione asimmetrica dello scenario politico fino al referendum Costituzionale, la pentapolarizzazione politica che ne è seguita, con la scissione nel PD e il riemergere di pulsioni moderate e centriste, sono solo alcune delle tappe che hanno segnato gli ultimi 6 anni.

“Un’evoluzione entropica e frastagliata cui ha fatto da sfondo il lungo travaglio economico del Paese, il permanere dei freni e dei pesi della crisi, l’acuirsi dei disastri bancari, la stagnazione sociale, lo sfarinamento del ceto medio, le incertezze occupazionali, l’accrescersi dei flussi migratori e della sensazione d’insicurezza”.

Sul fronte internazionale, intanto, i segnali d’instabilità e incertezza si sono moltiplicati, con l’esplodere del terrorismo internazionale, la Brexit, Trump, le elezioni in Austria, l’emergenza siriana, Macron, la crisi dei Tory inglesi. Il nostro Paese esce da questi sei anni convulsi, con un processo di mutamento sottotraccia de delle faglie sociali che strutturano l’identificarsi politico del Paese.

Nel corso del secolo scorso le fratture sociali si sono strutturate intorno a quattro differenti generatori conflittuali: centro contro periferia; capitale contro lavoro; Stato contro Chiesa; città contro campagna. “Oggi queste linee di separazione sono superate. Nuove faglie, però, si vanno affermando, a dimostrazione del fatto che il processo di mutamento è permanente: un continuo fluire evolutivo, che genera cambiamenti strutturali e ridefinizioni dei blocchi socio-politici”.

La prima e più consistente nuova frattura scorre lungo l’asse onesti-furbi. È la linea di separazione in vetta alla classifica (8,2 in una scala da 1 a 10) e coinvolge tutti i segmenti sociali e anagrafici. La seconda spaccatura si rintraccia lungo i confini classici del confronto tra ricchezza e povertà, acuita, nel tempo, dall’accrescersi dello iato tra una minoranza di privilegiati benestanti e una maggioranza in difficoltà, avvolta nelle dinamiche d’incertezza economica. Con 8 punti su 10, la faglia è avvertita, soprattutto, dai ceti mediobassi e da quelli marginali. Oltre queste due fratture, incontriamo nelle fondamenta del Paese, almeno altre tre incrinature dirimenti.

La prima è quella che separa il lavoro flessibile da quello stabile balzato al terzo posto (7,7). Da sempre nei primi posti della classifica delle fratture sociali resta salda la spaccatura tra il bisogno di equità e le crescenti diseguaglianze (7,6).

L’analisi delle fratture sociali, come ci ricorda il politologo norvegese Stein Rokkan, è centrale per comprendere le traiettorie future del Paese. “È lungo tali fenditure, infatti che si vanno identificando i confini dei blocchi sociali e si rintracciano i tratti delle nuove saldature che generano consenso o freddezza degli elettori. Se analizziamo il quadro poli-co nazionale, scorrendo la relazione tra i par-- e le fratture, scopriamo un quadro indicativo”.

I Cinquestelle trovano la loro ragion d’essere nella capacità di pescare, a vario titolo, da alcune faglie caratterizzanti: da quella ricchi-poveri (attualmente la più forte per M5S), passando per onesti-furbi, fino a congiungersi con il tema del lavoro flessibile e del distacco dalle élite.

Il PD, per parte sua, è il partito che pesca dal maggior numero di temi. Esso è mediano su tutt i principali temi di consenso, senza avere dei tratti peculiari e particolarmente caratterizzan-. Ciò rappresenta sia la sua forza (la capacità di dialogare su molti temi con la società), sia la sua debolezza (la difficoltà a identificare, da parte delle persone, un tratto empatico qualificante).

La Lega Nord, invece, ha saputo ritrovare sul concetto “prima gli italiani” un tratto identitario qualificante. Collocato lungo la faglia immigrati-italiani, il partito di Salvini è stato capace di riposizionarsi sia su temi come Italia-Europa, euro-non euro, sia su aspetti come quello delle tasse e dello iato popolo-élite. Forza Italia ha perso molti dei suoi ancoraggi e si dimostra un partito dall’identità ormai resistenziale, con una difficoltà strutturale a definire un discorso politico in grado di rinsaldare il proprio legame con l’opinione pubblica. Sul tema delle tasse, storicamente di suo appannaggio, l’intensità si è sbiadita.

Il Paese oggi ha voglia di ritornare a crescere e appare particolarmente sfibrato da due ulteriori temi. In primo luogo dall’austerity. Una strategia che ha generato, per gli italiani, più danni che vantaggi. In seconda battuta dal tema del valore del lavoro oggi. “Dopo anni di stipendi bloccati, le persone non ne possono più di sentir parlare del costo del lavoro. Non credono che il dinamismo economico e la capacità competitiva del nostro Paese dipendano dall’intervenire al ribasso sui salari. La metamorfosi del quadro socio-politico nazionale è in itinere. Non terminerà con la campagna elettorale, ma in essa le persone cercheranno risposte. Cercheranno riscontri in termini di proposte, ma, soprattutto, cercheranno risposte in termini di donne e uomini in grado di incarnare un percorso di cambiamento”.

Il Paese reale è attraversato da numerose faglie e le persone sono alla ricerca di idee ma anche di sogni, di buone dosi di empatia, di emotività, di calore umano e leaderistico.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30