Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 12 Novembre 2019

Nella foto Idy Diene, ucciso da un italiano Nella foto Idy Diene, ucciso da un italiano

FIRENZE, ROKHAYA CHE PIANGE IL SUO SECONDO MARITO: LA RABBIA DEI SENEGALESI In primo piano

Scritto da  Redazione Mar 06, 2018

Il destino sembra essersi accanito su di lei, vittima indifesa della follia degli uomini, donna impotente di fronte alla guerra del fato. Rokhaya Mbengue, signora senegalese di circa 40 anni, è la vedova di Modou Samb, senegalese ucciso nella strage fiorentina di piazza Dalmazia, sette anni fa. Negli anni, dopo una profonda sofferenza, era riuscita a ripartire, rifarsi una vita. Proprio nei giorni scorsi aveva ottenuto la cittadinanza italiana. Il comune di Firenze e la Caritas l’hanno sempre sostenuta. 

Negli ultimi mesi godeva del sostegno economico di Idy Diene, ambulante senegalese cugino di suo marito. Vivevano insieme a Pontedera. I due, uniti nel ricordo del familiare ucciso, si erano avvicinati sentimentalmente. Cercavano di costruirsi una nuova vita. Ieri, quella nuova vita si è nuovamente frantumata. Idy Diene stava camminando sul ponte Vespucci a Firenze, non troppo distante da piazza Dalmazia. E’ stato raggiunto da cinque spari di un uomo che voleva suicidarsi. L’uomo non si è suicidato, ha cominciato a sparare e ha colpito la prima persona che aveva sotto tiro. 

Il destino ha voluto che quella persona fosse Idy Diene. Il destino ha voluto togliere un affetto, ancora una volta, alla povere Rokhaya. Vittima due volte. E sempre allo stesso modo. Il destino gli ha tolto gli uomini della sua vita a colpi di arma da fuoco. Sembrava tornata a sorridere, pochi giorni fa durante il giuramento della cittadinanza italiana. E invece un altro colpo durissimo. In sette anni ha perso il marito e un carissimo amico. Vedova due volte, dicono alcuni amici senegalesi della donna.

Le proteste

La comunità senegalese ha reagito subito a questo assurdo omicidio che diventa un vero e proprio caso per quanto riguarda il movente. "Ci devono spiegare perché ha sparato. Non ci devono dire che è un pazzo. Siamo arrabbiati e non ci piace che questa cosa sia avvenuta in questo momento politico dell'Italia", ha detto lo storico portavoce della comunità senegalese. Un corteo, partito diretto verso la questura, è poi andato in piazza Signoria dove ha incontrato l'assessore al welfare e l'iman. Quindi è ripartito verso piazza della Stazione dove è stato bloccato in parte il traffico. Tirate giù alcune recinzioni di uno dei cantieri della tramvia. Altri danneggiamenti durante il tragitto per il centro storico, con vasi rotti, cestini rovesciati così come alcuni motorini.

Oggi è annunciato un nuovo presidio e sabato prossimo una manifestazione sempre a Firenze.

(Fonti: Ansa e Redattore Sociale)

 

 

L'ultima modifica Martedì, 06 Marzo 2018 15:17
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30