Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 21 Ottobre 2018

Nella foto la nazionale Daisy Osakue, aggredita nella notte a Moncalieri Nella foto la nazionale Daisy Osakue, aggredita nella notte a Moncalieri

LE ASSOCIAZIONI CONTRO LA VIOLENZA RAZZISTA: "NON ACCADE PER CASO, FERMARE ESCALATION" In primo piano

Scritto da  Redazione Lug 30, 2018

Aggressioni razziste, violenze e spari non si fermano. Dalle associazioni si alza un grido di allarme e appelli alle istituzioni. "Avanti per Berlino. Daisy Osakue partecipera' agli Europei". Lo assicura alla Dire Alfio Giomi, presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera (Fidal), commentando l'aggressione subita dalla 22enne di origine nigeriana naturalizzata italiana nella notte tra domenica 29 e lunedi' 30 luglio. "Ho parlato con la ragazza e mi ha raccontato che due giovani le hanno tirato da una macchina qualcosa senza fermarsi, senza nessun tipo di altra espressione. È stata colpita- continua il presidente della Fidal- e ha avuto molta paura. Era un uovo che con i frammenti del guscio le ha ferito la cornea. La ragazza ora sta bene".

"Un preoccupante elenco di violenze razziste – sottolinea Arci in una nota - che continua ad allungarsi, mentre il ministro Salvini dichiara che l’unico allarme sono i reati degli immigrati commessi in Italia. Esprimiamo il nostro sostegno e la nostra solidarietà alle vittime di queste e di tutte violenze a sfondo razzista. Condanniamo questi e tutti gli episodi di aggressioni, fisiche e verbali, di intolleranza e razzismo nei confronti di chi viene nel nostro paese in cerca di un futuro migliore e di una vita dignitosa. Continueremo a spenderci per costruire un Paese che sia solidale e accogliente. Un paese civile". 

Il Centro Astalli, in una nota pubblicata sul proprio sito web, esprime "seria preoccupazione per il susseguirsi di episodi razzisti e violenti ai danni di cittadini immigrati. Un'escalation di violenza che, dopo 11 persone ferite in meno di due mesi tra cui una bambina di 2 anni e una donna incinta, ha portato domenica scorsa alla morte di un uomo".

Il Centro Astalli chiede alle Istituzioni nazionali e alle amministrazioni locali i cui territori sono stati teatro di questi incresciosi episodi, di "intervenire con fermezza e in modo inequivocabile contro ogni forma di violenza e razzismo". E a chi svolge ruoli politici, "narrazioni in cui slogan e semplificazioni lascino il posto alla rappresentazione realistica della complessita' delle migrazioni che vanno governate e non demonizzate o peggio usate strumentalmente per far leva sull'emotivita' dei contesti locali e non sulle ragioni e il buon senso.

"Troppa intolleranza, diciamo basta alle parole d'odio": don Virginio Colmegna, presidente della Casa della Carità, interviene dopo l'ennesimo episodio di violenza contro una persona di origine africana. "Siamo fortemente preoccupati per gli episodi di violenza nei confronti di stranieri che si stanno susseguendo su tutto il territorio italiano -si legge sul sito della Casa della Carità-: dall'operaio capoverdiano ferito in provincia di Vicenza all'aggressione del cameriere senegalese in Sicilia, dal ferimento di una bambina rom a Roma al lancio di uova che a Moncalieri ha provocato una lesione alla cornea a Dayzy Osakue, campionessa italiana under 23 di lancio del disco, di origine nigeriana". Non sono episodi che succedono per caso. "Appare ormai impossibile pensare che questi fatti siano solo una casualità e che non siano invece conseguenza dell'aumento dell'intolleranza xenofoba e razzista". 

(Fonti: Dire e Redattore Sociale)

L'ultima modifica Lunedì, 30 Luglio 2018 15:59
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31