Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 21 Novembre 2018

APPROVATO IL DECRETO SICUREZZA: ECCO PUNTO PER PUNTO COSA PREVEDE In primo piano

Scritto da  Giuseppe Manzo Nov 07, 2018
È stato approvato con 163 voti a favore, 59 voti contrari e 19 astensioni il decreto legge sicurezza. "Giornata storica", scrive Salvini sui suoi account social.

Ma cosa prevede il dl in questione? La risposta è complessa, perché il decreto è ampio e tocca diversi aspetti, tra cui immigrazione, sicurezza pubblica, organizzazione del Ministero dell'Interno e beni confiscati.
 
Stop a permessi di soggiorno umanitario
 
Uno dei punti più discussi del dl è sicuramente lo stop al permesso di soggiorno umanitario, proposta che ha destato preoccupazione del Centro Astalli, di Emergency, di Intersos, della Società Italia di Medicina delle Migrazioni e di MSF che hanno sottoscritto e inviato al governo una lettera per manifestare le proprie preoccupazioni. 
Secondo il dl il permesso di soggiorno per motivi umanitari viene abrogato, impedendo quindi accesso al lavoro, al servizio sanitario nazionale, all'assitenza sociale e all'edilizia residenziali.

Introduzione di 5 tipi di permesso di soggiorno 
 
Vista l'abolizione del permesso di soggiorno umanitario sono stati introdotti 5 tipi di permessi di soggiorno differenti: 1) per protezione speciale, con durata 1 anno, rinnovabile 2) per calamità naturale, con durata 6 mesi, rinnovabile, 3) per cure mediche, 1 anno, rinnovabile, 4) per atti di particolare valore civile (ottenibile dal Ministro dell'Interno), 5) per casi speciali
 
Più giorni di permanenza nei centri di accoglienza
 
Ottenere la nazionalità non sarà più così semplice, visto che il dl prevede che i giorni di permanenza degli stranieri nei centri di accoglienza passino da 90 a 180. 
 
Nuovi reati per la revoca della protezione internazionale
 
Sono stati introdotti inoltre nuovi reati per cui il decreto stabilisce la revoca della protezione internazionale accordata ai rifugiati: estorsione, spaccio, violenza sessuale, mutilazione dei genitali femminili, furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Un elemento di forte novità è la revoca della protezione umanitaria per coloro che rientrano in patria, per cui qualora si torni nel paese da cui si fugge, si perde lo status di protetto. 
 
Ridimensionamento Sprar
 
Il dl prevede inoltre il ridimensionamento dell'accoglienza Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), che spetterà d'ora in poi solo ai titolari di protezione internazionale e ai minori non accompagnati. I richiedenti asilo potranno essere ospitati solo dai Cara (Centri accoglienza per richiedenti asilo).  
 
Nuovi obblighi per le cooperative
 
Con il dl inoltre le cooperative sociali che si occupano di accoglienza avranno l'obbligo di pubblicare ogni tre mesi l'elenco degli stranieri a cui vengono versate somme. 
 
Revoca cittadinanza per terrorismo
 
Cittadinanza revocata ai condannati di reati con finalità di terrorismo, e passaggio da 2 a 4 anni per ottenimento della cittadinanza ottenuto con il matrimonio o con la residenza, per ottenere la cittadinanza verrà inoltre richiesto a coloro che faranno domanda una conoscenza della lingua livello B1.
 
Noleggio furgoni
 
Più controlli anche per i noleggi dei furgoni, per cui i gestori degli autonoleggi dovranno comunicare alle forze dell'ordine i dati anagrafici del cliente, al fine di verificare i suoi precedenti penali.
 
Sì a braccialetti elettronici e Taser
 
Il dl prevede novità anche in merito alla sicurezza: il braccialetto elettronico potrà essere utilizzato anche nel caso di maltrattamento familiare e stalking. La polizia municipale potrà inoltre ricorrere alla sperimentazione di armi ad impulsi elettrici (taser) per sei mesi.

Estensione Daspo
 
In materia di ordine pubblico prevista l'estensione del Daspo (divieto accesso manifestazioni sportive) anche agli indiziati per reati di terrorismo, applicabile anche negli ospedali e nei presidi sanitari. 
 
Fondi per pubblica sicurezza, investimenti nel Nucleare-Batteriologico-Chimico-Radiologico
 
Stanziati inoltre 360 milioni di euro fino al 2025 per pubblica sicurezza e vigili del fuoco e previsto il rafforzamento del Nucleare-Batteriologico-Chimico-Radiologico.
 
Reato di blocco stradale e invasione di altrui proprietà privata
 
Reintrodotto poi il reato di blocco stradale, inteso come ostruzione di strade e binari, punibile con pene da 1 a 6 anni. Per l'invasione dell'altrui proprietà privata "al fine di trarne profitto" la pena passa da due a cinque anni con le aggravanti a seconda che il fatto sia compiuto da un gruppo o da persone armate.
 
Più potere ai prefetti
 
Stop alle occupazioni abusive di immobili, per cui non sarà più la magistratura a decidere, ma i prefetti, che potranno stabilire i tempi della liberazione degli immobili occupati abusivamente. 
 
Beni confiscati
 
Infine i beni confiscati saranno messi in vendita anche ai privati, previsti controlli affinché il bene durante la gara di appalto non torni in mano ai mafiosi.
L'ultima modifica Giovedì, 08 Novembre 2018 10:50
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30