Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 18 Agosto 2019

A ROMA SI CHIUDE LA BIENNALE COOPERATIVA: LA CRESCITA DEL SETTORE NEL RAPPORTO ISTAT In primo piano

Scritto da  Redazione Gen 30, 2019

Dopo i risultati incoraggianti del Rapporto Istat le cooperative italiane chiudono la Biennale a Roma il I febbraio. Lo faranno con il premier Conte che interverrà al teatro Eliseo davanti alla platea di cooperatori e cooperatrici di tutto il Paese.

Il Rapporto Istat

Sono poco più di 59 mila le cooperative attive in Italia (59.027 pari all’1,3 per cento delle imprese attive a livello nazionale), danno lavoro a oltre 1,2 milioni di persone, di cui il 52,2% sono donne. Generano un valore aggiunto di 28,6 miliardi di euro (il 4% del valore aggiunto delle imprese). Circa 6 su 10 sono attive in 5 settori: costruzioni, servizi di supporto alle imprese, sanità e assistenza sanitaria, trasporti e magazzinaggio, manifatturiero. A livello territoriale, oltre la metà delle cooperative è concentrata in 5 regioni: Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Campania. Ma per valore aggiunto sono più capaci di produrre ricchezza quelle attive al Nord.

Nel periodo della crisi le cooperative sono aumentate di numero (da 50.691 nel 2007 a 59.027 nel 2015) e hanno aumentato il numero di dipendenti (+17,7% contro la flessione del 6,3% registrato dalle altre imprese). Tra le cooperative attive spiccano quelle di lavoro (il 49,8% del totale), seguite da quelle sociali (il 24,2%), quelle di utenza e consumo (il 6,5%) e quelle di produttori del settore primario (il 3%). 

Le cooperative di lavoro e quelle sociali, oltre a registrare il maggior numero di imprese, sono anche quelle che hanno generato il maggiore valore aggiunto: 12,9 e 8,1 miliardi di euro pari al 73,4% del valore aggiunto dell’intero settore cooperativo nel 2015. Tra le rimanenti tipologie da segnalare i produttori del primario che con 2,6 miliardi di euro contribuiscono al 9,2% al valore aggiunto complessivo.

Biennale: arriva Conte per la chiusura

Doppio appuntamento con l’Alleanza delle Cooperative Italiane, che dopo l’ultima tappa della Biennale della Cooperazione, in programma domani, si prepara ad accogliere il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dell’assemblea elettiva di venerdì 1 febbraio.

Per la prima giornata, giovedì 31 gennaio, al Palazzo della Cooperazione di via Torino 146 a Roma, la cooperazione guarda al futuro con i primi Stati generali delle start up cooperative: focus su innovazione, giovani e imprenditorialità femminile, con il confronto tra le nuove cooperative che negli ultimi anni hanno aderito alle 3 centrali. I lavori si aprono alle ore 10.30 con l’intervento del presidente di Alleanza delle Cooperative Maurizio Gardini e i saluti di Mattia Affini, coordinatore di Alleanza delle Cooperative Giovani. Dalle ore 11 cinque cooperative che hanno superato la fase di start up, racconteranno i problemi e le soluzioni per “scalare” e svilupparsi. Alle ore 12 tocca a Enrico Giovannini portavoce dell’Asvis (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), seguito dal dialogo su innovazione e partecipazione tra Diego Ciulli (public policy manager di Google Italia), Alex Giordano (fondatore di Ninja Marketing e di Societing) e Stefano Epifani (presidente del Digital Transformation Institute).

Seconda sessione su “Open innovation e B2C” al via alle ore 14.30. Quattro i tavoli di lavoro dedicati ai 4 pilastri – insieme al quinto, la sostenibilità, che fa da cornice generale – del Manifesto della Cooperazione “Cambiare l’Italia cooperando”: legalità, innovazione, lavoro e welfare. In ogni gruppo saranno presenti i responsabili delle cooperative che hanno partecipato la mattina e di alcune imprese “senior”, che insieme a esperti e a professori universitari immagineranno il futuro del mondo cooperativo. Alle ore 17.30 la restituzione dei lavori di gruppo.

Venerdì 1 febbraio invece, al Teatro Eliseo (via Nazionale 183), Alleanza delle Cooperative Italiane presenta al Governo le proprie proposte di evoluzione e cambiamento del Paese con gli Stati generali della cooperazione italiana. Evento che, in chiusura della prima Biennale della Cooperazione, ne diventa in realtà un nuovo punto di partenza per l’attivazione pratica delle idee per lo sviluppo raccolte durante il suo tour.

Alle ore 9.30 l’apertura dei lavori, che saranno moderati dal co-presidente di Alleanza delle Cooperative Brenno Begani. La relazione del presidente di Alleanza delle Cooperative italiane Maurizio Gardini sarà seguita dall’intervento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Alle ore 11.45, infine, si riunisce in forma riservata l’Assemblea dell’Alleanza delle Cooperative, che eleggerà il nuovo presidente del coordinamento delle centrali Confcooperative, Legacoop e Agci.

 

L'ultima modifica Mercoledì, 30 Gennaio 2019 14:12
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Agosto 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31