Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 18 Febbraio 2020

Foto agenzia Dire Foto agenzia Dire

CORONAVIRUS, LA RAGIONE SCIENTIFICA NEL PAESE DELL'ODIO: NON È PANDEMIA, ECCO I DATI In primo piano

Scritto da  Redazione Feb 05, 2020

Secondo Swg il contagio da coronavirus preoccupa il 62% degli italiani. E per il 72% si tratta di una vera e propria emergenza tanto che più di un terzo degli italiani ha modificato le proprie abitudini quotidiane. Di fronte a questa paura di massa è necessario fare chiarezza prima che si ripetano atteggiamenti irrazionali e ostili verso le persone asiatiche.

Non è pandemia

L'epidemia di Coronavirus non costituisce "a oggi" una pandemia. Lo ha dichiarato Sylvie Briand, direttore del dipartimento per la Gestione dei rischi infettivi dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Come riferiscono fonti di stampa concordanti, la responsabile ha spiegato nella sede dell'Oms a Ginevra che attualmente esiste una epidemia con diversi focolai e poi ha aggiunto: "Noi stiamo intervenendo per estinguerli uno ad uno".

Briand ha confermato che l'Organizzazione sta coadiuvando i governi nel rimpatrio dei propri connazionali dalla Cina, a partire da "frequenti colloqui per armonizzare i protocolli sanitari". Infine, la dirigente ha confermato che secondo gli studi condotti dall'Oms, il virus non ha subito mutazioni e al contrario risulterebbe "abbastanza stabile".

L'epidemia di un un nuovo ceppo di Coronavirus iniziata nella città cinese di Wuhan ha già causato 427 morti nel Paese asiatico, e due decessi all'estero

Chi muore per il virus

Secondo uno studio descrittivo del The Lancet - pubblicato in data 30 gennaio - ad esempio, presi in considerazione 99 pazienti che hanno contratto il 2019-nCov, il 67% di questi sembrava già essere affetto da malattia cronica.

'Epidemiological and clinical characteristics of 99 cases of 2019 novel coronavirus pneumonia in Wuhan, China: a descriptive study', è il titolo del recentissimo studio che scende ben più in profondità del generico dato inerente alle malattie croniche. E riporta come il 40% dei contagiati fosse già affetto da patologie cardiovascolari o celebrovascolari. L'11% da patologie al sistema digestivo e il 13% aveva problemi inerenti al sistema endocrino. Tumori maligni, disturbi del sistema nervoso e di quello respiratorio, interessavano invece circa il 3% dei contagiati presi in esame.

Seppure i dati rimangono parziali, visto il ridotto campione di studio, le evidenze scientifiche - come tra l'altro continua a risuonare dalle voci più esperte del panorama medico, virologico e infettivologico - possono rassicurare. Dai dati sul The Lancet, infatti, emerge come circa il 31% dei malati sia stato alla fine dismesso dall'ospedale, contro un 11% che, invece, è deceduto.

Il Paese pronto a odiare

"Flussi incontrollati di affermazioni scientificamente infondate o del tutto false, dichiarazioni irresponsabili di esponenti politici, provvedimenti incomprensibili di enti locali e un'informazione ossessivamente concentrata sul coronavirus hanno dato luogo a una vergognosa ondata di sinofobia nel nostro paese". E' il commento di  Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia, sulle discriminazioni, gli insulti e gli atti di violenza sempre più frequenti nei confronti della comunità cinese.

"Persone di nazionalità cinese, cittadini italiani di origine cinese, asiatici sospettati a prima vista di essere cinesi sono visti come degli untori a prescindere dalle loro storie personali. Rischiano di farne le spese soprattutto le bambine e i bambini, il cui diritto all'educazione è messo a rischio da azioni dettate dalla psicosi e dal panico", ha aggiunto Rufini.

"Viviamo in un paese sempre più incline ad ascoltare cinici propagatori di odio, dunque un paese pronto a odiare", conclude il direttore di Amnesty Italia.

(Fonte: Redattore Sociale)

 

 

 

 

L'ultima modifica Mercoledì, 05 Febbraio 2020 10:52
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Febbraio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29