Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 12 Luglio 2020

RADAR SWG / PER GLI ITALIANI LOCKDOWN NEGATIVO: SU ECONOMIA VEDONO NERO In primo piano

Scritto da  Cronaca Mag 26, 2020

Continua l’analisi di SWG su come la pandemia legata al Covid-19 stia modificando i comportamenti e gli atteggiamenti di individui e consumatori. Questa settimana in primo piano: le variazioni rispetto alla settimana precedente relativamente alla percezione dell’andamento economico, i bisogni maggiori, il livello di sicurezza pecepito dagli italiani e il tema del distanziamento sociale; le valutazioni sulla gestione dell’emergenza da parte del mondo istituzionale, il livello di preoccupazione e le opinioni sulla possibile seconda ondata di Covid-19; il resoconto dei cittadini sul periodo del lockdown

Situazione economica: il 60% la vede nera

Nonostante le molte riaperture rimane negativo il giudizio degli italiani sulla situazione e sul futuro economico del Paese. Aumenta il senso di sicurezza per frequentare i luoghi della quotidianità, ma rimane alta l’incertezza, tanto da far comunque preferire gli strumenti di acquisto online.

Cresce di molto il desiderio di andare in un ristorante all’aperto o da un parrucchiere, così come il bisogno di rilassarsi e stare all’aria aperta. Gli italiani vogliono riprendere la loro quotidianità, ma molti indicatori sembrano evidenziare che ormai c’è una nuova normalità che caratterizza le nostre vite.

Gestione emergenza: cala il voto per il Governo, promossi Sud e Nordest

La valutazione degli italiani sulla gestione dell’emergenza da parte del Governo è ancora positiva, ma il resoconto della prima fase è più severo rispetto ai riscontri di aprile. Anche il gradimento del Presidente Conte subisce una lieve flessione, anche se rimane a livelli piuttosto elevati. I cittadini si mostrano mediamente più soddisfatti di come le regioni hanno operato nel periodo di crisi, rispetto al governo nazionale. Ed è interessante come i giudizi migliori arrivino dalle regioni del Sud, mentre quelli più critici si rilevano nel Nordovest. Benché sia stata ampiamente compresa la necessità di riaprire le attività e passare alla «Fase 2», è piuttosto diffuso il timore di una seconda ondata. Il Paese non viene ritenuto del tutto preparato all’evenienza, ma l’opinione prevalente è che un ritorno del Covid-19 sarebbe stavolta meno drammatico.

Valutazione del lockdown: positivo solo per il 18%

Il periodo di lockdown non è stato esclusivamente negativo per gli italiani, che sono riusciti a sperimentarsi in una nuova situazione e a scoprire nuove risorse e possibilità. Il salto in avanti nell’utilizzo degli strumenti e dei servizi digitali è evidente e appare, in larga parte, irreversibile, il che apre uno scenario futuro di importante innovazione e definitiva digitalizzazione di gran parte della popolazione. Il futuro post Covid-19 appare ricco di luci ed ombre. Si prevedono miglioramenti nella scuola, nella sanità, nella sostenibilità delle città, ma è fortemente negativo il dato riferito al rapporto con la politica e la pubblica amministrazione, come se, di fronte ad una società civile che fa un balzo in avanti nell’era digitale, il mondo della politica si richiudesse ancora più in se stesso e nelle sue logiche autoreferenziali.

L'ultima modifica Martedì, 26 Maggio 2020 13:44
Cronaca

Cronaca

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31