Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 11 Aprile 2021

CASO ONG MEDITERRANEA: IL MESSAGGIO DI ALESSANDRO METZ CON UNA LETTERA SU FACEBOOK In primo piano

Scritto da  Redazione Mar 17, 2021

Riceviamo e pubblichiamo

 

Da settembre le mie telefonate, i miei messaggi e le mie chat sono state ascoltate, registrate e archiviate. E continuano a farlo. In questi mesi ho parlato e scritto di amore, di lavoro, di politica, sogni progetti e desideri. Ho pianto e riso al telefono, ho raccontato delle mie debolezze e limiti, delle mie certezze e dei momenti di difficoltà o felicità. Ho ascoltato sfoghi, riflessioni, racconti di quotidianità, parole di rabbia o di amore, parole intime, personali che ritenevano di essere ascoltate e raccontate a me.

Ho affrontato questioni personali di persone con cui lavoro, come operatore sociale alcune di queste sono particolarmente delicate, ma ho anche cazzeggiato e preso in giro i miei interlocutori. Avete presente le vite degli altri? Ecco, quella era ed è la mia vita. Volevo scusarmi con tutte queste persone. Quelle a me più care e quelle che invece conosco appena: non ho saputo, nè potuto, tutelare le vostre parole, i vostri racconti o le vostre confidenze. Questo il cruccio maggiore di questi giorni.

Può sembrare paradossale, ma la mia preoccupazione di queste settimane non riguarda il capo d'imputazione che riguarda me Beppe e Luca, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, ma l'aver favorito, anche se inconsapevolmente, la violazione dell'intimità delle persone che con me si sono relazionate in questi mesi.

Lo so, probabilmente dovrei urlare la mia innocenza, ma è modalità che non mi appartiene, non sono

innocente, non lo sono mai stato. Alcuni anni fa, durante un processo che mi riguardava, chiusi la mia deposizione in questo modo: Non sono innocente, l'innocenza è una categoria che appartiene ai bambini. Credo si debba parlare di responsabilità, e per quanto mi riguarda, visto quello che succede quotidianamente, mi sento molto più responsabile di quanto non sono riuscito a fare rispetto a quel poco che invece ho fatto.

Però una "semplice" accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina (che comunque raggiunge pene tra i quindici e trent'anni) non poteva bastare, sarebbe stata, anche in caso di improbabile condanna, una "medaglietta" da esibire, perché questa accusa nella realtà quotidiana si traduce nel supportare uomini donne bambini e bambine che affrontano le diverse vie di terra (rotta balcanica o attraverso i monti della Val di Susa per chi tenta di entrare o uscire dal nostro Paese) o di salvarle mentre affrontano il mare. Diventa quindi "reato di solidarietà" e questo alle Procure molto spesso non basta. Non era certo questo il modo in cui potevano fermare me Luca Casarini e Beppe Caccia, così come non è bastato a fermare i molti che prima di noi di questo sono stati accusati. Accusati e poi mai condannati.

Per questo motivo, l'infornata delle ultime inchieste, prevede in quasi tutti i casi l'aggravante del lucro, del tornaconto personale. Questo "il piatto" da fornire alla stampa, questo il fango da spargere. Speculare sulla pelle di chi è in fuga dalla Libia e rischia la propria vita in mezzo al mare.

Questa accusa è per me infamante e intollerabile, fango che si appiccica e che rischia di non andare via del tutto; Non con risposte razionali, non con documenti o spiegazioni e nemmeno con assoluzioni processuali, l'alone rischia di rimanere. Con questo sto facendo i conti in questo momento, anche dal punto di vista lavorativo e professionale, e per molto ancora toccherà farlo. Mediterranea è l'impresa più grande con cui mi sono misurato, quella che mi ha dato le più grandi emozioni e quella in cui maggiormente mi sono assunto responsabilità e che mi ha costretto a confrontarmi con i miei limiti.

Il più grande di questi è stato sicuramente quello di non essere riuscito a curare fino in fondo la mia vita personale, affettiva, lavorativa e relazionale davanti a un progetto enorme e emozionante che mi ha travolto completamente; negli ultimi mesi, quando ho tentato di fare spazio e riprendere "la mia vita", mi sono reso conto che non tutto era recuperabile e parti importanti erano perse per sempre. Forse anche per questo, questa accusa della Procura di Ragusa la sento veramente bruciare nella mia carne.

Come mi è stato detto, se devono ammazzarti lo fanno da mostro, non ti regalano il farti morire da martire. O perlomeno ci provano. Ma intanto, sono ancora vivo.

"Il bosco è piacevole, scuro e profondo, ma ho promesse da mantenere, e miglia da fare prima di dormire, e miglia da attraversare prima di dormire" - Robert Frost, 1922

Alessandro Metz

L'ultima modifica Mercoledì, 17 Marzo 2021 13:54
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Aprile 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30