Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Venerdì, 13 Dicembre 2019

ENI, ARRIVANO GLI AZIONISTI CRITICI ALL'ASSEMBLEA: ECCO I PUNTI CONTESTATI DALLE COMUNITÀ In primo piano

Scritto da  Redazione Mag 15, 2019

Si è svolta ieri a Roma l'annuale Assemblea degli Azionisti dell'ENI, alla quale A Sud e il CDCA - Centro Documentazione Conflitti Ambientali hanno partecipato in qualità di azionisti critici, assieme ai rappresentanti di diverse battaglie che portano avanti istanze di tutela ambientale e dei diritti nei territori in cui opera ENI.

La Val D'Agri, in Basilicata, dove è ubicato il più grande giacimento onshore dell'Europa continentale; Gela, polo petrolchimico siciliano in attesa di bonifica e dell'annunciata riconversione; Licata, con il progetto estrattivo Ibleo che minaccia ecosistemi e tessuto economico; Taranto, dove i fumi della raffineria ENI concorrono a determinare una delle peggiori emergenza sanitarie del Paese. Oltre alle voci dei comitati territoriali italiani abbiamo portato in AGM le questioni poste dalle comunità del Delta del Niger e dell'Amazzonia dell'Ecuador, in cui ENI opera da decenni.

“L'azionariato critico è uno strumento importante per porre, di fronte ai vertici dell'impresa, agli analisti e alla stampa, questioni e specifici quesiti riguardanti le politiche industriali e le condotte di ENI nei luoghi di estrazione e trasformazione. Durante l'AGM 2019, gli interventi di azionisti critici hanno rappresentato più della metà di quelli iscritti nella fase di discussione assembleare. Durante l'AGM abbiamo portato all'attenzione della dirigenza aziendale e degli azionisti riuniti le istanze e le domande specifiche di diversi comitati territoriali attivi in Italia, Nigeria ed Ecuador”, scrive in una nota Asud Onlus.

“Riteniamo – aggiungono gli attivisti - che l'AGM debba essere il luogo in cui non solo le strategie industriali e i risultati finanziari di ENI vengono messi a disposizione degli azionisti, ma anche il luogo in cui gli azionisti possono ascoltare dalla viva voce di chi abita in zone contigue a poli estrattivi o petrolchimici cosa produce l'attività di ENI in termini di mobilitazioni sociali, denunce pubbliche, contaminazione ambientale, rischio sanitario, ricatto occupazionale e compromissione delle vocazioni economiche del territorio”.

A declinare questi punti hanno contribuito in maniera specifica gli attivisti provenienti dalla Val D'Agri, da Gela, da Licata e da Taranto, assieme ai quali, prima dello svolgimento dell'AGM e in collaborazione con la Fondazione Finanza Etica hanno posto su ciascuna questione quesiti specifici. “Le risposte fornite per iscritto da ENI – sottolinea Asud - e consegnate all'inizio dei lavori assembleari sono state tuttavia evasive e non utili a fornire sui singoli aspetti affrontati elementi di novità e di chiarimento; pur avendo posto, infatti, delle questioni puntuali e molto specifiche, nel luogo ufficiale nel quale l'azienda dovrebbe rendere conto del proprio operato ai suoi azionisti, gli attivisti hanno ricevuto soltanto risposte vaghe e retoriche, come accade ogni giorno sui propri territori”.

Decarbonizzazione, riconversione raffineria di Gela, progetto Offshore Ibleo, raffineria Eni di Taranto e le attività estrattive in Ecuador sono i punti toccati nel dossier degli azionisti critici.

Gli attivisti, infine, hanno anche aggiornato gli approfondimenti riguardo le operazioni in Nigeria, tra cui la causa civile intentata nel 2018 dalla comunità Ikebiri contro ENI presso il Tribunale di Milano, per il forte danno ambientale prodotto al loro territorio dalle attività estrattive. I fatti contestati risalgono a nove anni fa: il 5 aprile del 2010 l’oleodotto della NAOC esplose a 250 metri dal fiume situato nell’area nord del territorio Ikebiri. 

 

 

 

L'ultima modifica Mercoledì, 15 Maggio 2019 15:30
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Calendario

« Dicembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31