Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 11 Dicembre 2018

"LA LEGGE E LA RIVOLTA": IL TEMA DEL NUOVO NUMERO DI MICROMEGA In primo piano

Scritto da  Redazione Nov 27, 2018

È principalmente dedicato allo iato tra giustizia e legalità il numero di MicroMega in edicola da giovedì 22 novembre e intitolato “La legge e la rivolta”. Un tema sempre attuale, di recente tornato prepotentemente alla ribalta nel nostro paese con la vicenda che vede protagonista il sindaco di Riace,Domenico Lucano, che ha messo in luce la palese ingiustizia dell’intricato groviglio di norme sull’accoglienza degli immigrati e sulla gestione delle richieste d’asilo. 

Il cuore del numero verte intorno al suo caso, raccontato in prima persona dallo stesso Lucano – di cui proponiamo il discorso tenuto a Milano il 30 ottobre scorso – e analizzato nel dettaglio da Annalisi Camilli che ci spiega perché un sistema che funziona, come il cosiddetto “modello Riace”, viene messo in discussione. Muovendo dalla vicenda,Erri De Luca, Ascanio Celestini,Angelo d’Orsi e Ginevra Bompianiparlano invece più nel dettaglio della tensione tra legge e giustizia, spiegando perché, oggi come ieri, è necessario ribellarsi alle leggi ingiuste. 

Al tema della giustizia è dedicato anche l’intervento di Roberto Scarpinato il quale, partendo da un’analisi della composizione carceraria italiana, arriva a concludere che in prigione, a espiare effettivamente la pena, oggi come ieri e l’altro ieri finiscono coloro che occupano i piani più bassi della piramide sociale mentre praticamente assenti sono i cosiddetti colletti bianchi. 

Ma il numero di MicroMega in edicola dal 22 novembre non finisce qui. In occasione del centenario della fine della Grande Guerra la rivista diretta da Paolo Flores d’Arcais offre ai suoi lettori un ampio saggio del sociologo e psicoanalista tedesco Franz Maciejewski che ricostruisce i passaggi centrali del primo dopoguerra mettendo in luce come la fondazione dei Freikorps, in Germania, rappresenti le ‘prove generali’ di Auschwitz. Chiara Saraceno spiega poi perché quello targato 5 Stelle tutto è tranne che un vero reddito di ‘cittadinanza’; Luisa Betti Dakli racconta la ‘deriva polacca’ dell’Italia sul fronte dei diritti, in particolare quello all’aborto e al divorzio; Timothy Garton Ash ci racconta la controrivoluzione anti liberale che sta vivendo la Polonia; Flavio De Bernardinis descrive la metamorfosi del linguaggio cinematografico nell’epoca dominata dalla dittatura dell’evento; Gianmarco Pondrano Altavilla e Antonio Scala dimostrano, dati alla mano, che nell’età della comunicazione social i pilastri della liberaldemocrazia sono in serio pericolo. 

Il numero ospita poi – sotto il titolo “Eppur si muove. Cronache dalla democrazia sommersa” – la prima di una serie di puntate dedicate a quelle realtà che nel nostro paese, dal basso, nella società civile, continuano a creare quel fermento che sembra mancare totalmente alla politica istituzionale. A raccontarsi in questo primo appuntamento sono il progetto Rifestival-Culture in Rete della Rete degli universitari di Bologna e Scomodo, la rivista totalmente indipendente lanciata da un gruppo di studenti liceali e universitari di Roma.

Arricchisce e completa il numero il dialogo sul futuro del socialismo in Europa tra il leader del partito laburista Jeremy Corbyn e l’ex ministro delle Finanze greco, fondatore del movimento paneuropeo Diem25, Yanis Varoufakis.

 

L'ultima modifica Martedì, 27 Novembre 2018 17:44
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31