Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 23 Luglio 2019

"MO TE LO SPIEGO A PAPA'": UN LIBRO SUL MESTIERE DI ESSERE PADRE OGGI

Scritto da  Giuseppe Manzo Mar 04, 2013

Francesco Uccello è un educatore della coop sociale Terra e Libertà. Dalle pagine del suo blog ha raccontato il difficile mestiere di essere padre, con tanta ironia e intelligenza. Ora i suoi racconti diventano un libro. Dopo il fenomeno delle mamme blogger, è il momento di passare la parola all’altro genitore: dal 14 marzo in tutte lle librerie "Mo te lo spiego a papà", Tea editore.  

 

Francesco di mestiere fa l'educatore, e di esperienza con bambini e ragazzi ne ha tanta, ma quando diventa papà di DA1 (il primogenito) e DA2 (il secondogenito, a soli sedici mesi di distanza) scopre che essere genitore è un lavoro completamente diverso: meraviglioso, sfiancante, entusiasmante, e soprattutto a tempo pieno e orario continuato.

Come tutti i cuccioli d'uomo, DA1 e DA2 sono vivacissimi e curiosi e bombardano i genitori di domande complesse, stravaganti, ridicole o profondissime su ogni argomento possibile. Mamma Stefania ha trovato una soluzione geniale: «Andate da papà, che ve lo spiega lui». E a Francesco non resta che armarsi di tanta pazienza – e di una sana dose di ironia – e prepararsi a rispondere.

Dopo i racconti di tante mamme, finalmente arriva una voce maschile a esporre la «versione del papà», rivelandoci che anche i padri amano in modo viscerale e «materno», e vivono intensamente tutte le emozioni e la complessità del diventare genitori. Senza nascondere i pensieri negativi, o i momenti di paura e debolezza, ma senza mai dimenticare l'inconfondibile sense of humour napoletano, questo libro tenero e divertente ci catapulta nella vita quotidiana di una famiglia di oggi, in cui tante mamme e tanti papà non faranno fatica a riconoscersi. E magari troveranno qualche spunto per rispondere con il sorriso sulle labbra alle domande impossibili dei propri figli.

Dal 14 marzo sarà in tutte le librerie "Mo te lo spiego a papà", Tea editore: 240 pagine per scoprire il difficile mestiere di essere padre.  

Educatore-blogger-scrittore 

Francesco Uccello, laureato in lettere moderne ed esperto in comunicazione per ragazzi, si definisce un «educAutore». È educatore dal 1998 con la cooperativa sociale Terra e Libertà, che si occupa di infanzia e adolescenza a Napoli e in provincia, ed è autore del blog Mo te lo spiego a papà.

Ama le immersioni subacquee, specie quelle tra i fondali della sua amata Ustica. Il suo animale preferito è il polpo.

Vive a Napoli con la moglie Stefania e i loro due figli.

 

 

I protagonisti raccontati dall'autore

 

Nome: Papà (io) 

Età: 40

Segni particolari: Bello, simpatico e intelligente (se volete posso anche continuare)

Capriccio tipico: Voglio quella cosa o voglio andare in quel posto. Meno male che MPS mi accontenta.

La domanda più intelligente: Mi perdoni?

Soprannome: Chiattone per il mio fisico da sempre un po’ robusto (Un po’, ho detto.)

Superpotere: Raccontare e conoscere il linguaggio dei bambini e ragazzi

 

Nome: DA1

Età: 5 anni e mezzo

Segni particolari: Occhi stupendi, attenti e profondi

Capriccio tipico: Di qualsiasi tipo, con durata che va dai 35 ai 90 minuti, con ripetizione costante del motivo del capriccio.

Gioco preferito: I Lego

Qualità: Sensibile, osservatore, preciso, servizievole.

Insopportabile perché: Logorroico, ansioso e poco affettuoso

Superpotere: Resistenza al sonno

 

Nome: DA2

Età: 4 anni e qualche mese

Segni particolari: Gigante dal viso furbetto e il sorriso che inganna (bello e dannato)

Capriccio tipico: Volere il contrario di ciò che vuole il fratello

Gioco preferito: Rompere i Lego del fratello

Qualità: Affettuoso, premuroso, furbo.

Insopportabile perché: Mammadipendente, paraculo, bugiardo

 

Nome: MPS (Mia Principessa Stefania)

Età: mmmtto… e mezzo

Segni particolari: Bella con occhi stupendi, seducente

Capriccio tipico: Mia moglie non è capricciosa. È brava! (…)

Mania: La crema per il corpo

Sport preferito: Dopo 3 addominali mi chiede se si vedono e sono duri

Il sogno nel cassetto: Una vacanza da sola in una beauty farm

senza mai sentire la parola «Mamma»

Redazione

Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31