Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 20 Gennaio 2021

VIGGIANO: IN PROCURA ESPOSTO M5S CONTRO ENI

Scritto da  Redazione Mag 29, 2017

“Eni ha riconosciuto a chiare lettere le sue responsabilità solo pochi giorni fa durante l'audizione dei suoi rappresentanti presso la Camera dei Deputati. Infatti l'azienda operava con serbatoi che perdevano da mesi, inadeguati e vetusti, in violazione alle prescrizioni AIA”. I parlamentari M5S vanno in Procura a depositare la denuncia.

«Alla luce dello sversamento di circa 400 tonnellate di petrolio che avrebbero inquinato un'area vastissima dei terreni lucani circostanti il COVA di Viggiano (PZ), e con molta probabilità anche le falde acquifere sottostanti, il rischio di bere acqua inquinata e di mangiare cibo contaminato da idrocarburi è altissimo. Per questo domani mattina presenteremo un esposto alla Procura di Potenza e a quelle pugliesi, con numerosi dati su analisi e campionamenti, ARPAB e ISPRA ma soprattutto dell'Acquedotto pugliese (Aqp), unico ente accreditato a certificare la qualità dell'acqua in Basilicata»: lo dichiara la deputata lucana del M5S Mirella Liuzzi.

Nei 'Rapporti di prova' dell'Aqp sul potabilizzatore di Missanello, a pochi km di distanza dalla diga del Pertusillo - invaso d'acqua da cui attinge anche la vicina Puglia - è stata rilevata la presenza di contaminanti come microcistine, berillio, bario, cobalto, litio, zinco e idrocarburi C10-C40. Sostanze presenti in microgrammi nel potabile e in milligrammi per litro nell'invaso che tutti noi avremmo potuto bere a nostra insaputa.

«L'inquinamento delle attività petrolifere in Basilicata è oggetto di denuncia del M5S da anni. ENI, invece, ha riconosciuto a chiare lettere le sue responsabilità solo pochi giorni fa durante l'audizione dei suoi rappresentanti presso la Camera dei Deputati. Infatti l'azienda operava con serbatoi che perdevano da mesi, inadeguati e vetusti, in violazione alle prescrizioni AIA e da febbraio 2017 ha tenuto un atteggiamento molto ondivago su quali serbatoi fossero compromessi».

«Per questo nell'esposto - dichiara il deputato lucano Vito Petrocelli - abbiamo chiesto che vengano disposte tutte le verifiche e le indagini per investigare sulla bontà delle acque del Pertusillo, data l'alta probabilità di inquinamento dell'invaso, e per accertare l'ipotesi di disastro ambientale nell'area industriale di Viggiano. Il M5S andrà avanti con questa battaglia e punta alla chiusura del COVA, come indicato anche nel nostro piano di Governo».

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Gennaio 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31