Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 11 Aprile 2021

MINORI VITTIME DI VIOLENZA: UNA FATTORIA SOCIALE PER NON LASCIARLI SOLI DA GRANDI

Scritto da  Redazione Mar 22, 2017

Obiettivo del progetto è l’avviamento all’autonomia sociale e lavorativa di giovani ragazze e ragazze collocate presso il Centro specialistico “La Casa di Nilla": si trovano a dover affrontare da sole la vita quando cessa il loro status di minorenne tutelate, ovvero al compimento della maggiore età.

I ragazzi allontanati dalla famiglia e collocati in strutture protette a causa di violenze sessuali e maltrattamenti, quando cessano lo status di minore tutelato si trovano in una particolare situazione di difficoltà: essi non possono tornare in famiglia ma non possono nemmeno continuare a vivere nella struttura tutelare poiché le norme non lo consentono. Questa particolare situazione impone alle strutture tutelari la necessità di accompagnare i giovani al lavoro ed all’autonomia.

Il passaggio dal contesto protetto della struttura tutelare, in cui si è vissuti per un tempo più o meno lungo, a nuove forme di relazione e di autonomia non è facile per nessun giovane, neppure per coloro che possiedono risorse personali e familiari stabili. Si tratta di un compito ancor più arduo per quei ragazzi che si confrontano con il disagio derivante da condizioni di svantaggio personale, materiale, sociale, relazionale e che hanno alle spalle una famiglia carente, vulnerabile o, addirittura, maltrattan-te.

La letteratura internazionale definisce la con¬dizione di alto rischio psico-sociale di questi ragazzi con la locuzione “care leavers”. Giovani adulti che, a causa di situazioni di pregiudizio intrafamiliare, hanno trascorso parte dell’adolescenza (e talvolta anche dell’infanzia) all’interno di un percorso di tutela, accompagnati da figure educative che fino al raggiungimento della maggiore età si sono prese cura di loro. In questi casi, il “ponte” tra una condizione protetta e la vita quotidiana diventa difficile da attraversare senza una rete di sostegno ed il rischio di cadere e di perdere le sicurezze acquisite aumenta nel percorso di vita.

Studi condotti da Jo Dixon (cfr. Young peopleleaving care, in Child Social Work, Volume 13, Numero 2, 2008), mettono in evidenza che spesso i giovani che sperimentano il passaggio dai servizi residenziali all’età adulta incontrano notevoli difficoltà e mostrano un livello inferiore alla media di istruzione, salute, benessere, inserimento lavorativo e capacità di far fronte alle spese personali rispetto ai coetanei. Tali fattori comportano diversi rischi, quali l’esclusione sociale, la devianza, la disoccupazione, la mancanza di una dimora fissa, lo sviluppo di varie forme di dipendenze e di psicopatologia e la precoce genitorialità. Le cause di ciò sono da ricercarsi nelle lacune dell’intervento residenziale e/o nelle carenti o assenti risorse sociali ed economiche presenti per questa fascia di popolazione dopo il compimento della maggiore età.

Sulla linea di tali elementi si è recepita l’importanza di rispondere ai bisogni concreti delle giovani adulte dimesse dai percorsi di tutela garantiti ai minorenni e che devono affrontare le sfide della vita e della società prive della gui¬da e del sostegno dei genitori o di altre valide figure di riferimento (care givers).

Obiettivo generale

Obiettivo del progetto è l’avviamento all’autonomia sociale e lavorativa di giovani ragazze e ragazze che, precedentemente allontanate dalle loro famiglie e collocate presso il Centro specialistico “La Casa di Nilla” a causa di vicende di violenza sessuale o gravi maltrattamenti, si trovano a dover affrontare da sole la vita quando cessa il loro status di minorenne tutelate, ovvero al compimento della maggiore età.

In generale, il progetto intende intervenire sui fattori di protezione individuali e sociali del¬le/dei ragazze/i, favorendo da un lato l’acquisizione di migliore autostima ed autonomia sociale e prevenendo, dunque, i rischi di sviluppo psicopatologico insiti nei giovani che hanno sperimentato relazioni di attaccamento fragili o gravemente disfunzionali. D’altro canto, il progetto mira all’inserimento in un contesto produttivo che favorisca l’instaurarsi di nuove relazioni sociali ed il confronto con un sistema organizzativo e di valori positivo.

In sostanza, quello che vorremmo creare è un buon lavoro per ragazze che rischierebbero di non averne mai uno. Un lavoro dignitoso, in cui ciascuno possa dare secondo le proprie possibilità e che si svolga in un ambiente favorevole, in cui le relazioni umane siano positive, serene, cordiali perché improntate al rispetto reciproco e alla collaborazione. Un lavoro che si inserisca nelle reali esigenze del mercato, retribuito equamente, che contribuisca a costruire un’economia solidale per poter affermare che economia e solidarietà possono e devono incontrarsi.

La Fattoria Casa di Nilla

In questo contesto nasce la Fattoria Casa di Nilla che si basa sulla nascita di piccole iniziative produttive di agricoltura sociale. Al momento, la Fattoria produce agrumi biologici, olio extravergine di oliva, marmellate e, in maniera prevalente, miele delle seguenti tipologie:
- Acacia (montagne della presila catanzarese)
- Arancio (da agrumeto biologico in agro di Cropani)
- Asfodelo (Buturo - miele di alta montagna)
- Castagno (montagne della presila catanzarese)
- Eucalipto (costa jonica calabrese)
- Erica (montagne della presila catanzarese)
- Millefiori (montagne della presila catanzarese)
- Sulla (colline di Cropani)

La Fattoria è stata individuata dalla Regione Calabria quale “best pratice” da presentare nel Corso della Fiera “Vita in Campagna” che si terrà a Montichiari di Brescia dal 24 al 26 marzo p.v. Un altro riconoscimento dopo la Medaglia di Rappresentanza conferita dal Presidente della Repubblica lo scorso mese di novembre.

La Casa di Nilla

@nelpaeseit

 

 
 
 
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Aprile 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30