Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 18 Luglio 2019

CATANZARO, PER IL TERZO SETTORE ECCO GLI "AGENTI DI CAMBIAMENTO"

Scritto da  Redazione Apr 10, 2017

Nasce il Coordinamento territoriale per il welfare appena costituito a Catanzaro da quattro tra le più importanti organizzazioni del Terzo settore che operano nel capoluogo di regione: Centro Calabrese di Solidarietà, Fondazione Betania Onlus, Kyosei, Promidea. La decisione arriva nello stesso giorno in cui si costituisce il Forum Terzo Settore cittadino.

“Agenti di cambiamento” è il Coordinamento territoriale per il welfare appena costituito a Catanzaro da quattro tra le più importanti organizzazioni del Terzo settore che operano nel capoluogo di regione: Centro Calabrese di Solidarietà, Fondazione Betania Onlus, Kyosei, Promidea. La decisione arriva nello stesso giorno in cui si costituisce il Forum Terzo Settore cittadino che non vede l’adesione delle stesse organizzazioni e di Legacoopsociali Calabria.

Le quattro organizzazioni impiegano complessivamente 432 dipendenti, 105 collaboratori ed offrono servizi ad oltre 850 utenti appartenenti a tutte le categorie svantaggiate: bambini ed adolescenti in situazioni di abuso, donne in difficoltà e vittime di violenza, anziani non autosufficienti, disabili, immigrati e rifugiati, tossicodipendenti, per un fatturato complessivo di quasi 20 milioni di euro.

La scelta di avviare un percorso di riflessione comune corrisponde alla volontà di costruire Servizi integrati, dialoganti e collaborativi, per offrire ai soggetti più fragili sempre maggiori opportunità di tutela dei propri diritti sociali, ma anche più valide risposte ai bisogni reali dei singoli e delle famiglie.

La possibilità che i cittadini accedano a Servizi altamente specializzati e differenziati, non deve infatti precludere la costruzione del “sistema integrato” che guardi all’unitarietà delle persone e al loro benessere come risultato di interventi in tutte le dimensioni: sanitario, sociale, eco-ambientale, culturale. Una visione di questo genere richiede di realizzare un circuito integrato di tutte le risorse attivabili sul territorio comunale e nell’ambito territoriale di riferimento.

La cornice culturale entro la quale si colloca il nuovo sodalizio è quella di una forte spinta politico-ideale, molto legata ai contenuti della Legge 106/2016 di riforma del Terzo settore, che tra le linee di indirizzo -già richiamate dalla Legge 328/2000- pone l’accento sulla presenza nel sistema di welfare locale di un Terzo settore che non sia solo erogatore di servizi ma uno dei principali interlocutori degli enti pubblici per quanto riguarda la progettazione delle politiche in campo sociale.

Promuovere il welfare locale ed il lavoro di rete, lavorare per una città più accogliente ed inclusiva, vivere il proprio ruolo come “agenti di cambiamento”, queste le finalità del Coordinamento che avvierà, pertanto, momenti di riflessione aperti a tutte le organizzazioni non-profit, agli ordini professionali ed alla cittadinanza, per meglio definire percorsi e processi di ascolto delle istanze dei soggetti più fragili in modo che si possano offrire risposte sempre più efficaci e rispondenti ai loro bisogni.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31